YourMag » Viaggi » Visitare Lisbona in 3 giorni
Visitare Lisbona

Visitare Lisbona in 3 giorni

La saudade. Quello stato d’animo sospeso tra malinconia e nostalgia, che attanaglia ogni portoghese e impernia come nebbia ogni città. Lisbona è tutto questo: una città avvolta dal blu del cielo, dal fiume Tago, dalla luce unica che riflette sulle colorate piastrelle “azulejos” e sulle tipiche costruzioni arabesche e “manueline”.
E’ una città sicura, anche per viaggiatrici solitarie, che saranno conquistate dalla giovialità dei portoghesi e dalla loro ospitalità, che rispecchia il posto in cui vivono.

VIsitare Lisbona: Il quartiere “Alfama”

Lisbona sorge sul fiume Tago e si sviluppa su sette colline.
Il primo giorno si parte dal quartiere dell'”Alfama, il quartiere più antico che domina dall’alto la città.
Imperdibile è il “Castello di Sao Jorge“, antica residenza dei reali portoghesi che sorprende con le sue mura merlate e le undici torri, e i bellissimi giardini da cui si vede tutta la città.
E’ facile passeggiare per il quartiere ed imbattersi nei “Miradouros“, terrazze panoramiche, tra cui la meravigliosa “Miradouro de Santa Luzia“, costituita da “azulejos” e porticato fiorito, e la “Miradouro das Portas do Sol“.
La cattedrale di Lisbona, edificata tra il XII e il XIV secolo, con le sue due torri merlate che incorniciano il rosone, colpisce per l’interno austero che però è illuminato dall'”azulejos” rappresentante la visita alla città da parte di papa Giovanni Paolo II.
Dopo aver osservato la città dal periscopio presente nella “Torre di Ulisse”, è consigliato concludere la giornata al Mercatino delle Pulci, dove si possono trovare oggetti in ferro battuto, stampe o “azulejos“: attenti però ai prezzi!

Visitare la Lisbona più autentica

La seconda giornata si apre nel quartiere più intimo di Lisbona, il “Bairro Alto”, con le caratteristiche funicolari che solcano le colline della città. Qui si trova l’ imperdibile “Elevador de Santa Justa“, un ascensore costruito nel XX secolo in stile neo gotico da un allievo di Gustave Eiffel: le cabine in legno e ottone vi portano al bar in cima, dove si potrà godere di una splendida vista sulla città sorseggiando “Ginhinhas” (liquore di amarene).
La serata deve essere conclusa, come un vero portoghese, in una delle tante “Tascas“, osterie caratteristiche della città dove ci si può ristorare sulle note del malinconico fado.

Visitare Lisbona 3 giorni

Visitare Lisbona la città dei navigatori

Concludiamo la vacanza nel quartiere “Baixa Pombalina, edificato dopo il sisma del 1755 interamente in elegante stile pombalino: bellissima la “Piazza di Rossio“, sulla quale si affacciano edifici del XVIII secolo e chiamata “piazza rotolante” per la pavimentazione a motivi geometrici. Sull'”Avenida da Liberdade” ci si può rilassare tra negozi e boutique alla moda.
Non si può lasciare Lisbona senza visitare il “Quartiere di Belem“, il più bello di Lisbona, con il celebre “Padrao dos Descobrimentos“, l’imponente monumento a forma di prua di nave in onore dei grandi scopritori portoghesi. Si trova proprio accanto alla splendida “Torre di Belem” del 1515, antica fortezza a guardia della città che un tempo era un isolotto: fu costruita per celebrare Vasco de Gama che scoprì la rotta per l’India e che oggi riposa nel “Mosteiro dos Jeronimos“, realizzato nel ricco stile manuelino.