YourMag » Moda » The Press Tour: Emma Watson e la moda ecosostenibile
The Press Tour: Emma Watson e la moda ecosostenibile

The Press Tour: Emma Watson e la moda ecosostenibile

Soltanto 7 post e già 330mila follower: parliamo di The Press Tour, il nuovo account Instagram di Emma Watson tutto incentrato sulla moda ecosostenibile di cui è portavoce negli ultimi anni.

Una ex bimba prodigio, Emma Watson, passata dai film di Harry Potter al ruolo di musa ispiratrice nel mondo della moda per Burberry e di testimonial per Lancôme.

Moda ed ecosostenibilità

L’attenzione per l’attrice è tutta concentrata, cinematograficamente, sul nuovo film in uscita nei cinema, “La Bella e la Bestia“, ma chi ama la Watson e la moda etica di certo non potrà risparmiarsi di seguire il suo nuovo account Instagram: @the_press_tour.

All’interno ci sono una serie di immagini che ritraggono la ventiseienne con abiti firmati (ma tassativamente ecosostenibili) sullo sfondo di città importanti: eccola, quindi, con la Tour Eiffel alle spalle, avvolta in un abito di Nicolas Ghesquiere per Louis Vuitton realizzato con il tessuto Newlife, un particolare poliestere ricavato da bottiglie di plastica riciclate, la cui produzione ha un impatto minimo sull’ambient. Oppure, sempre a Parigi, in un completo della collezione di Laura Kim e Fernando Garcia (i nuovi direttori creativi di Oscar della Renta), fatto di tessuti organici, dove spicca, oltre alla lunga stola rossa di seta, il particolare bustier in satin fiori. Si nota poi la devozione alla stilista Stella Mc Cartney, da sempre impegnata in favore degli animali evitando, per le sue creazioni, l’utilizzo di pelle, pelliccia o piume; suoi, infatti, tra gli scatti dell’attrice, sono un cappotto ed una giacca in ecopelle. Stilosa anche la scelta del maglione by Filippa K, brand svedese che rispetta i quattro cardini della moda ecosostenibile: ridurre, riparare, riusare e riciclare. Infine, sempre contro lo sfruttamento animale, si notano in un’immagine gli stivaletti vegani di Good Guys Don’t Wear Leather.

Non solo moda

Ma Emma Watson ci tiene alla coerenza, per cui non si ferma ad indicare solo gli stilisti che ammira e per i quali si propone come testimonial. Nelle didascalie agli scatti vengono citati anche i brand del make up organico a cui si è affidata, come il correttore RMS Beauty e il lucida labbra Tata Harper.

Inoltre l’attrice è anche impegnata a livello sociale, essendo sostenitrice dei diritti delle donne come Ambasciatrice delle Nazioni Unite e dando vita ad un vero e proprio book club virtuale di letteratura femminista.

“The True Cost”, il documentario rivelatore

L’amore per il commercio equo, per una giovanissima Watson, era cominciato nel 2009, con una collaborazione con il marchio People Tree riguardante una collezione organica; era poi proseguito con un impegno con Alberta Ferretti indirizzato sulla capsule collection Pure Threads, fino poi a consolidarsi con la visione del documentario The True Cost, di Andrew Morgan, che nel 2015 ha aperto gli occhi a moltissimi su quello che davvero accade dietro le quinte nel mondo del fashion.