YourMag » Sessualità » “Sex Friends”: pro e contro di una relazione particolare
Coppia intima

“Sex Friends”: pro e contro di una relazione particolare

Ci sono relazioni che vivono costantemente sulla linea di confine tra un’amicizia e una storia romantica, spesso non riconoscendosi mai davvero in nessuna delle due categorie e restando a metà strada, a tempo indeterminato: parliamo di quelli che gli anglosassoni definiscono “Sex Friends” o “Friend with benefits“.

Nel 1995, una giovanissima Alanis Morissette dedicava una canzone del suo album “Jagged little pill” ad un misterioso “friend with benefits“, con un ritornello che lasciava chiaramente intendere quanto fosse innamorata di lui, concluso da uno spiritoso “non ci posso fare niente, è tutta colpa tua!“.

In effetti, secondo le statistiche, questo tipo di relazione sta diventando sempre più comune, ma sono alte le probabilità che si possa sfociare in qualcosa di più serio, in un medio-lungo termine, o che una delle persone coinvolte si lasci trasportare da sentimenti e desideri non condivisi dall’altro. Sono, sicuramente, questi i casi più pericolosi, che possono portare ad enormi sofferenze, liti furiose e ad una totale disarmonia che, molto spesso, si traducono in brusche separazioni, con conseguenze nefaste anche per l’amicizia.

Ecco perché vale sempre la pena studiare a fondo le situazioni, prima di intraprendere eventuali decisioni affrettate.

Amici di letto: perché sì e perché no?

Non c’è dubbio che, in alcuni momenti della vita, avere un “Sex Friend” sia alquanto positivo: dopo la fine di una storia importante o, al contrario, di periodi di lunga solitudine, spendere del tempo con qualcuno che possa ascoltarci e, contemporaneamente, soddisfarci anche tra le lenzuola può rivelarsi un toccasana… a patto di non cascare in qualche tranello.

Queste relazioni, in effetti, potrebbero restare eternamente transitorie oppure identificare, nel futuro, nuove storie d’amore, ma secondo gli esperti sono tantissimi, soprattutto le donne, ad innamorarsi senza essere ricambiati dall’altro lato, mettendo a repentaglio non solo questo rapporto speciale ma anche l’amicizia stessa: si tratta, in effetti, di una storia-non-storia che si mette in piedi più facilmente con persone che già si conoscono e verso cui si nutre stima piuttosto che con semi-sconosciuti con cui si perderebbe quel senso di “accoglimento” che solo un amico può dare.

L’ideale, quindi, è cercare di viversi tutto con la consapevolezza che non ci sono, perlomeno inizialmente, intenzioni romantiche ma, contemporaneamente, con la curiosità di scoprirne le evoluzioni: d’altro canto, in un rapporto sereno, disteso e chiaro, può anche accadere che tutto finisca di comune accordo quando uno dei due sex friends incontra la persona giusta con cui intraprendere un percorso più serio.

E i finali da favola?

Non è vietato sognare, ma deve essere imperativo comune guardare in faccia alla realtà senza illudersi, per evitare delusioni, sofferenze e amicizie sfasciate: tuttavia, esistono rare eccezioni in cui i friends with benefits si sono trasformati in fidanzati; ma, come si afferma nel famosissimo libro-bibbia dei rapporti, “La verità è che non gli piaci abbastanza“, bisogna sempre ragionare come se si fosse la regola e non il “caso speciale”. Tutto quello che ne verrà sarà tanto di guadagnato!