YourMag » Sessualità » Sessualità over 30: quali sono gli errori da non commettere?
Sessualità over 30: quali sono gli errori da non commettere?

Sessualità over 30: quali sono gli errori da non commettere?

Donne e sessualità: sono tantissime le ricerche che sostengono che questo binomio trovi la sua maggiore espressione intorno ai 30 anni. Eppure, resta la possibilità di poter fare degli sbagli che potrebbero risultare anche fatali, per l’intesa della coppia.

Si dice che la donna, a letto, sia come il vino: migliora con l’età.

Ma se si vuole conservare una chimica perfetta con il partner, resta comunque valida la possibilità di farsi trasportare dalla routine e dalla profonda intimità già collaudata, attivando quel processo che porta, inevitabilmente, ad un po’ di aridità, mancanza di fantasia e di sperimentazione: il sale di ogni buon rapporto che duri a lungo nel tempo, insomma.

I 6 errori da non commettere secondo gli psicoterapeuti

Ogni coppia è un mondo a sé e, sicuramente, andrebbe valutata in quanto tale. In linea generale, però, gli psicoterapeuti hanno dato dei consigli piuttosto universali sui quali orientarsi per mantenere “in salute” la propria vita sessuale e, ovviamente, sentimentale. Ecco cosa evitare.

  1. Sesso meccanico finalizzato all’orgasmo: quando si sta insieme da tanto tempo, ci si conosce perfettamente sotto ogni punto di vista e si potrebbe cominciare a fare del “sesso pigro”, orientato solo al raggiungimento del piacere, privo di fantasia e preliminari. Un’anticamera della tomba dell’amore, attenzione!
  2. Farsi prendere dal panico per un momento di crisi: condividere anni con un’altra persona significa attraversare ogni tipo di crisi, di negatività, di “momento no”, facendo di tutto perché nulla ne venga intaccato. In questo calderone rientra anche la possibilità di ritrovarsi in un momento di “no sex” dovuto a qualsivoglia fattore esterno che, tuttavia, non deve preoccupare né dare adito ad ansie da prestazione che potrebbero solo peggiorare le cose. Basta affrontare tutto in piena serenità, ricordando che “l’appetito vien mangiando”!
  3. Sottrarre tempo al partner a causa dei figli: per molte coppie l’arrivo di un figlio è il coronamento di un sogno, ma questo non significa che debba risucchiare tutto il tempo e le energie che prima venivano ripartite nel rapporto. Mai dimenticare di continuare a nutrire la propria unione, mai darla per scontata.
  4. Accontentare solo l’altro: molte donne lasciano passare in secondo piano i propri desideri sessuali, pur di accontentare il partner; nulla di più sbagliato! Sappiamo benissimo quanto siano differenti le esigenze maschili e femminili e quanto sia alta la percentuale di un orgasmo clitorideo per una donna (97%); non c’è, quindi, nulla di male a chiedere attenzioni per sé, prima o dopo aver fornito le proprie all’altro!
  5. Declassare la priorità del sesso: secondo gli psicoterapeuti, nel lungo termine si potrebbe finire con il pensare di “non aver tempo” per il sesso. Naturalmente, non è mai davvero così, semplicemente si sono invertite, anche inconsciamente, le priorità.
  6. Paragonarsi ad altri coetanei: abbiamo anticipato il fatto che ogni relazione sia un mondo a sé, con i propri ritmi e le proprie regole; questo vale anche per il sesso. Paragonarsi ad altre coppie che vivono realtà differenti, sia lavorativamente che psicologicamente, non ha senso, anche se, ovviamente, chiedere consiglio ad un’amica o intavolare una conversazione costruttiva ad una cena, ad esempio, può sempre essere una buona idea per trarre spunti ed ispirazioni!