YourMag » Sessualità » Sesso tra anziani? Roba da donne
uomo bacia la spalla a signora

Sesso tra anziani? Roba da donne

Che una buona sessualità implichi tanti risvolti positivi nella vita di coppia e nella salute del singolo è accertato. Quello che è meno risaputo è che, in tarda età, il sesso diventa più un affare da donne!

Gli uomini che hanno superato la mezza età potrebbero avere un valido motivo per non vantarsi più delle loro avventure tra le lenzuola: lo rivela una ricerca effettuata su un campione di 2.204 persone di età compresa tra i 57 e gli 85 anni, raccogliendo e paragonando dati a distanza di 5 anni; il risultato è stato inaspettato.

Valutando ipertensione, tachicardia, disturbi cardiovascolari (ictus, infarto ed insufficienza cardiaca) è emerso che nei latin lover più anziani, riferenti un’attività sessuale regolare di almeno una volta a settimana, la probabilità dell’insorgenza di malattie cardiovascolari è aumentata rispetto agli inattivi.

Un dato che fa riflettere e che potrebbe rischiare di definire, a tempo indeterminato, un’intera categoria di persone.

Per le donne? Tutta salute!

Ancora più sorprendente, invece, è stato riscontrare che, per le donne, accade esattamente il contrario. Con l’avanzare dell’età, infatti, gli uomini riferiscono di trovare più difficoltà nel raggiungere l’orgasmo (sia per patologie emerse negli anni sia per questioni psicofisiche), con una conseguenza ovvia di maggiori stress, ansia da prestazione e difficoltà emotiva nell’approcciarsi alle donne (motivo per il quale il sistema cardiovascolare si ritrova sotto sforzo). Al contrario, per il gentil sesso una buona attività sessuale è un elemento a favore di una buona salute sia a livello psicologico che fisico. Sarà per questo che, sempre più donne in là con gli anni scelgono partner sensibilmente più giovani?

Farmaci e dipendenza dal sesso

In questo ambiente disfunzionale, sono tantissimi anche gli uomini che ricorrono a farmaci per “aiutare” la propria attività sessuale, non sapendo di interferire ancora di più con il proprio stato di salute.

Inoltre depressione ed ansia possono portare, alla lunga, ad una voglia di riscatto e di sfida che, in alcuni casi, può causare la comparsa di una vera e propria dipendenza sessuale, ritrovandosi alla ricerca spasmodica di più prede o a richiedere sempre più spesso rapporti alla propria compagna, come per soddisfare un impulso psicologico, più che fisico, alla ricerca del perduto orgasmo e della dimenticata virilità.

Un circolo vizioso, insomma, che sembrerebbe diventare un grosso problema, anche perché moltissimi uomini hanno difficoltà a parlarne e a cercare un rimedio che non sia “self“, finendo solo per cronicizzare una situazione già difficile e delicata di per sé.

La chiave

Come in tanti problemi che comportano una sfaccettatura psicologica, la prima cosa da fare è accettare di avere un problema, per poi cercare la soluzione più idonea.

Questo migliorerà, in poco tempo, la qualità della propria esistenza… anche sotto il profilo sessuale, con ripercussioni in positivo nell’eventuale vita di coppia!