YourMag » News » Ragazza in coma a causa dell’alcool, la madre pubblica foto su FB
Figlia in coma etilico

Ragazza in coma a causa dell’alcool, la madre pubblica foto su FB

Una ragazza di 15 anni resta in coma per oltre mezza giornata per colpa dell’alcool. La madre decide di pubblicare la foto su Facebook con l’obiettivo di sensibilizzare sui rischi derivanti dall’eccesso di cocktail e bevande dannose per l’organismo. Per un’immagine che scandalizza l’opinione pubblica.
La vicenda
Melissa Aho è una madre come tante altre e trascorre una vita tranquilla in compagnia di sua figlia Ryleigh Payton. Quest’ultima è una semplice adolescente dall’età di 15 anni che ha tanta voglia di crescere e divertirsi, senza alcuna differenza rispetto al mondo che la circonda. La sua vita viene però messa a serio rischio dalla bravata di una notte che poteva diventare maledetta. La mamma è stata svegliata nel bel mezzo delle ore più tarde e ha così saputo che la sua ragazza era rimasta in coma etilico. Melissa ha così vissuto ore di puro terrore, rischiando seriamente di perdere la sua Ryleigh. Quest’ultima ha impiegato oltre 14 ore per risvegliarsi ed oggi è tornata in piena salute, ma non può dimenticare ciò che le è accaduto, con la madre che l’aveva trovata svenuta, piena di vomito e con la bava alla bocca.

Il monito lanciato da Melissa Aho
Melissa ha così deciso in qualche modo di denunciare l’accaduto, non fermandosi all’angoscia derivante da una figlia trovata in coma da un momento all’altro. La prima reazione della madre è stata quella di telefonare in maniera immediata ad un’ambulanza e di iniziare a pregare per sua figlia. Quindi, ha voluto pubblicare la foto di Ryleigh su Facebook per fare in modo che sia da esempio per tutti i giovani che bevono in modo eccessivo o che si drogano. Melissa ha auspicato che ogni ragazzo non faccia ciò che ha fatto lei, sottolineando i pericoli elevati che possono derivare da un eccesso di alcool. Il messaggio lanciato sui vari social network può essere di vitale importanza, in quanto si tratta di una campagna di sensibilizzazione che assomiglia ad un vero e proprio pugno nello stomaco per i giovani che vogliono sballarsi durante le nottate in discoteca. In questo caso la madre non è stata costretta a piangere la fine della sua piccola per un caso fortuito, ma in altre circostanze il finale può essere ben differente.