YourMag » gossip » Parla la ex moglie Elena Majoni: “Ecco come mi picchiava Gabriele Muccino”.

Parla la ex moglie Elena Majoni: “Ecco come mi picchiava Gabriele Muccino”.

“Non esiste una sentenza che abbia sanzionato in modo specifico Gabriele Muccino per le violenze raccontateEsiste una sentenza che le attribuisce in via esclusiva l’affido di suo figlio”. Questo e molto altro ha raccontato l’ex violista Elena Majoni in una lunga intervista rilasciata al corriere della sera.

Una vita di silenzi e sofferenze quella dell’ex moglie del regista italiano Gabriele Muccino. La donna dopo anni di lotte continue, sceglie di parlare in televisione, durante una puntata del programma RAI, ‘L’arena’ condotto da Massimo Giletti.

Una storia forte la sua, come forti sono anche le spalle che l’hanno supportata in questa battaglia, ormai conclusa. La causa, lunga 10 anni, solo ora conclusa, le ha dato l’affido esclusivo del figlio, avuto con Muccino nel 2003.

Era un personaggio popolare, temevo di alimentare rumore inutile”, spiega Elena. Così la decisione drastica di scegliere le vie legali per uscire dall’incubo: Mi sono resa conto che sarebbe stato un danno per nostro figlio. A quel punto ho aperto gli occhi, ma è meglio aprirli un po’ prima.

Elena e Gabriele, sposati dal 2002, si sono separati definitivamente nel 2006, anno in cui Elena è appunto diventata la ex moglie di Muccino ed ha iniziato il suo calvario legale per vincere la battaglia. La 42enne, sostiene di aver subito continue e ripetute violenze durante gli anni di convivenza con il regista ed alle donne che subiscono in silenzio, consiglia di non mollare mai. 

Elena, violista per professione, ha subito un danno non indifferente a causa di uno dei tanti schiaffi ricevuti, quello letale per il suo timpano che le ha stroncato la carriera da violinista per sempre. 

“Ero al telefono con mia mamma vicino alla finestra, Gabriele si è avvicinato, probabilmente alterato, e mi ha tirato uno schiaffo. Ricordo un fischio lunghissimo, forte. Ero sotto choc, non capivo niente. Sono andata al pronto soccorso, continuavo a dire di aver sbattuto la testa ma i medici, che diagnosticarono la perforazione del timpano, non mi credevano”.  Commossa, durante la diretta tv, Elena, non ha paura di raccontare i dettagli di episodi agghiaccianti come questo. 

Parlando del loro rapporto e nello specifico dei sentimenti che la donna provava nei confronti di Gabriele, non riesce a trattenere l’emozione: “Ero innamorata e quando sei innamorata tendi a a giustificare, a perdonare, a cercare di comprendere”.

Una storia toccante, fatta di continue lotte, di speranze, di grande forza. Una storia che molte donne sono costrette a vivere sulla propria pelle, molte di più di quante si possa immaginare. Con questo sfogo Elena Majoni, oramai rinata, esorta tutte le donne che subiscono violenze:”Non vi isolate, raccontate: se non riuscite a farlo con le autorità, almeno parlatene con qualcuno”.