YourMag » Sessualità » Non solo preliminari: a letto è importante anche l’aftersex
Non solo preliminari: a letto è importante anche l'aftersex

Non solo preliminari: a letto è importante anche l’aftersex

Aftersex” non è solo una parola che indica delle discutibili foto da mostrare sui social, dopo aver consumato un rapporto sessuale con il proprio partner, più o meno occasionale. È anche un momento che avvolge la sessualità, insieme ai preliminari.

La sessualità, ormai, è diventata così “sfacciata” che è difficile non ritrovare riferimenti persino nei cartoni animati per bambini. Dall’ostentazione social, poi, è nata una moda piuttosto “particolare”: quella di scattarsi foto dopo aver fatto sesso con il proprio partner, taggandole con l’hashtag #aftersex.

In realtà, c’è qualcosa di molto più intimo e privato che si può fare dopo essere stati insieme, per aumentare la complicità, ritagliare un momento a due o, semplicemente, accoccolarsi l’uno vicino all’altro e condividere qualcosa di importante.

Quanto è importante l’aftersex?

Non è infrequente ritrovarsi a parlare del “dopo sesso” con qualche amica e constatare l’insoddisfazione di molte. Spesso, gli uomini non riescono a soddisfare la voglia di coccole che molte donne desiderano. Questo perché, da alcune ricerche, è emerso che lo sviluppo di ossitocina (l’ormai noto “ormone dell’amore“, che crea legame e appartenenza) è molto diverso nei due sessi, con preponderanza in quello femminile. Ma, ad ogni modo, è innegabile che restare a letto dopo essere stati insieme è piacevole e, in alcuni casi, anche divertente: è in quei momenti che si costruisce molta della complicità di coppia.

Cosa fare nell’aftersex?

Un selfie, forse, non è proprio la cosa più matura e intrigante da fare, dopo il sesso.

Si può scegliere di addormentarsi accoccolati, di mangiare qualcosa senza remore, lontani dal tavolo e ancora avvolti dalle lenzuola, si può optare per guardare un film insieme oppure per cominciare a scherzare, ridere o a chiacchierare, a luce soffusa, confessandosi paure, sentimenti, intimità… è proprio in quei momenti che accade la magia del legame. Non nei frenetici momenti dei preliminari, non nella concitata, seppure appassionante e sentimentalmente pregna, attività sessuale, ma in quei calmi, lenti minuti successivi al sesso, dove tutto quello che si dice non ha, per molti, i “soliti” condizionamenti. Può davvero essere un momento piacevole di apertura e confronto.

Ovviamente, ognuno ha i propri ritmi ed il proprio carattere. Ci sono coppie che hanno un’ottima complicità ma che, tuttavia, preferiscono “staccarsi” momentaneamente dopo il sesso per godersi un attimo di pace totalmente privato. Non c’è nulla di male, a patto che sia qualcosa di cui si è discusso, che non destabilizzi alcun equilibrio e che, soprattutto, non crei dispiaceri e sentimenti contrastanti in nessuno.

La vita di coppia, quando è consolidata, ha una grande peculiarità: se la comunicazione è buona, può “camminare” da sola, senza badare troppo alle regole, ai consigli altrui e alle proprie paure, perché tutto viene da sé.

Per tutti gli altri… un po’ di “esercizio” non può fare che bene: presto o tardi tutto, poi, verrà in automatico ed anche le coppie stanche potranno ritrovare un po’ di serenità perduta.