YourMag » Famiglia » Natale in famiglia: come fare tutti felici?
pranzo di famiglia a natale 25 dicembre

Natale in famiglia: come fare tutti felici?

Il periodo di Natale è magico ed è quello in cui è tradizione stare in famiglia, si sa. Però, non è tutto semplice come potrebbe sembrare.

Quando si parla di Natale in famiglia ma, soprattutto, di pranzi in famiglia sorgono inevitabili due domande: “con chi?” “a casa di chi?”.

È vero che ogni famiglia ha le sue tradizioni e abitudini, ma anche problemi a riunirsi, magari, perché si vive lontani, però è importante, per quanto è possibile, provare a non scontentare nessuno.

Vigilia e pranzo: con chi trascorrerli

Il Natale, dunque, si dovrebbe passare in famiglia, con genitori, nonni, zii e cugini. Ma è possibile mettere tutti d’accordo e passare un po’ di tempo con ognuno di loro? Ecco, allora, qualche suggerimento per non scontentare nessuno e passare un Natale gioioso e sereno.

Come passare la vigilia di Natale

La vigilia ideale è quella da passare con i parenti più intimi. Così, alla tavola imbandita con cibi prelibati si dovrebbero sedere i quattro nonni, i quattro genitori e i vari zii con prole dei padroni di casa. Tutto questo, naturalmente, è possibile se non ci sono discussioni o litigi in famiglia, perché se fosse così e ci si ostinasse a voler invitare tutti, si rischierebbe di trovarsi ad un cena di Natale degna del film “Parenti serpenti”. Deciso chi invitare, sorge un altro problema: a casa di chi si festeggia? Sarebbe opportuno scegliere l’abitazione di chi ha figli piccoli. Questo perché, nonostante sia la notte dedicata a loro e in cui aspettano i doni di Babbo Natale, i bambini non riescono a stare svegli fino a tardi e, quindi, riportarli a casa poi diventa un vero problema. A volte, chi mette a disposizione la propria casa dice che, però, non ce la fa a cucinare per tutti. In questi casi è sufficiente che ogni invitato prepari qualcosa per la cena.

Come chi fare il pranzo di Natale

Il pranzo di Natale è l’occasione perfetta per riunire tutta la famiglia e anche qualche amico più intimo. Il pranzo del 25 dicembre è, senza dubbio, meno impegnativo della cena della vigilia. È un momento meno formale durante il quale si può anche evitare di cucinare perché è possibile riciclare gli avanzi della vigilia, in questo giorno nessuno lavora, i regali sono già stati scartati e tutti, adulti e bambini, sono tranquilli e rilassati.

Che cosa succede quando la famiglia è allargata

La situazione si complica quando le famiglie sono allargate e, quindi, ci sono ex mariti e mogli, nuovi compagni e compagne, figli di primo letto e di secondo e tanti nonni e nonne. Come mettere tutti insieme? Il segreto è avere buon senso ed elasticità e, se l’impresa è proprio ardua, è bene non insistere e dividere la famiglia allargata tra la vigilia e il giorno di Natale.