YourMag » Ecologia » Make up fai-da-te: come realizzare rossetti eco e cheap!
Rossetti eco fai-da-te

Make up fai-da-te: come realizzare rossetti eco e cheap!

I cosmetici migliori sono, spesso, disponibili a prezzi non accessibili da parte di tutte le fasce del pubblico, senza contare che chi desidera prodotti ecologici e sostenibili ha un gran lavoro di ricerca da fare. E se la soluzione fosse nel fai-da-te?

Qualche tempo fa ci siamo occupati di illustrare come fosse semplice realizzare degli ombretti homemade, riciclando avanzi di trucchi o combinando insieme più nuance. Oggi, invece, tratteremo un tipo di make up ancora più comune, utilizzatissimo da ogni tipo di donna e a tutte le età: il rossetto.

Come si può realizzare qualcosa di sano, ecologico ed economico al tempo stesso? Ecco qualche suggerimento!

Riciclare vecchi ombretti

Anche in questo caso, riprendere in mano il beauty-case degli ombretti può essere utile.

È un procedimento che si rivela particolarmente efficace per riciclare vecchi ombretti rimasti spezzettati nelle cialdine, ma che può essere sempre messo in atto, magari per testare sulle labbra un colore che ci piace particolarmente.

Si comincia sciogliendo un cucchiaio di vaselina o di burro di cacao nel microonde (o a bagnomaria): ci vorranno davvero pochi secondi per ottenere un composto fluido e liscio; occhio, però, a non esagerare con la “cottura” per evitare problemi.

Una volta scelto l’ombretto da utilizzare (o anche più di uno, optando per una fantasia di colori e sfumature!), va triturato fino a che non diventi una polvere sottilissima ed omogenea, priva di grumi, magari “pestandola” come si farebbe in un mortaio. Si versa tutto nel composto disciolto in precedenza, si mescola per bene e si aspetta che il tutto si raffreddi: avrete, così, realizzato il vostro rossetto personalizzato!

Un’occasione per sbizzarrirsi a provare nuove colorazioni e tendenze di make up, riciclando senza spendere denaro!

Riciclare vecchi pastelli a cera

L’avreste mai detto che gli astucci scolastici utilizzati da bambine, o da qualche nipotino, potessero tornare utili per creare del make up sicuro ed ecologico?

I pastelli a cera (a patto di scegliere quelli adatti ai bambini e privi di sostanze tossiche) rappresentano una miniera infinita di varietà cromatiche da sperimentare. Che li compriate apposta (in cartoleria o anche online) o che ne sfruttiate solo delle parti spezzettate, ormai inutilizzabili, fa lo stesso: avrete a disposizione un assortimento enorme di nuance, anche moderne, dalle pastellate alle fluo, da cui trarre ispirazione!

Innanzitutto è importante fare un test preventivo per evitare reazioni allergiche o irritazioni: una volta appurato che si è in possesso di un prodotto sicuro, si può andare avanti con la preparazione.

Si eliminano, ovviamente, le etichette, si frantumano i pastelli scelti e li si fondono a bagnomaria; raggiunta una texture liquida e uniforme, si può aggiungere un filo sottile d’olio di oliva e, se gradite, anche un olio essenziale profumato: questo aiuterà a dare la consistenza e il profumo migliori al mix (si può anche utilizzare il burro di cacao, come nel caso precedente).

Si possono realizzare dei rossetti versando il contenuto (attraverso un mini imbuto) sia all’interno di vecchi stick svuotati/esauriti, sia di cialdine come quelle che si utilizzano per gli ombretti ed altri trucchi. Basterà lasciar raffreddare e compattare in frigo: una volta solidificati, i prodotti saranno pronti per essere utilizzati!