YourMag » Sessualità » Le nuove frontiere delle relazioni sessuali
Le nuove frontiere delle relazioni sessuali

Le nuove frontiere delle relazioni sessuali

Sono tante le nuove frontiere delle relazioni sessuali, tutte piuttosto lontane dalle “antiche” idee di romanticismo, esclusività e sacrificio implicate da una regolare relazione stabile.

Sicuramente tutto questo è dovuto ai cambiamenti radicali che stanno avvenendo nella nostra società (fermandoci, ovviamente, a quella occidentale), dove il sesso è stato sdoganato dalle catene che le epoche passate e la religione gli avevano inflitto: un cammino che è ancora lungo e su cui c’è, sicuramente, ancora tanto da lavorare, ma se solo guardiamo indietro a qualche decina di anni fa, non si può fare a meno di rendersi conto che l’atmosfera in cui si vive è completamente diversa e, quasi, ribaltata.

In questo clima, giovani ed adulti si sentono più liberi di vivere storie non regolari senza alcun tabù, condividendo momenti intimi e coinvolgimenti sessuali, lontani, però, dalla messa in piazza delle emozioni e dell'”amore”… o almeno, così dovrebbe essere.

Le nuove tipologie di relazioni sessuali

Fermo restando che ogni relazione è un mondo a  e che, nel tempo, tutto può assumere sfumature cangianti che cambiano la natura della relazione stessa, si può schematizzare questa nuova “fetta” di coinvolgimenti sessuali in questo modo:

  1. Friends with benefits: è forse quella, attualmente, più conosciuta e sperimentata. Si tratta di due amici che, consenzienti, vanno “oltre” il semplice rapporto d’amicizia, condividendo rapporti sessuali occasionali basati sul rispetto e sull’affetto reciproco, con il patto di “non innamorarsi”. È una tipologia di relazione che salvaguarda i rischi di una sessualità promiscua con estranei ma che, proprio per questo, può sfociare in trasmissione di patologie o gravidanze indesiderate poiché, spesso, non vengono prese precauzioni proprio per “fiducia”. Senza contare che può accadere che in una delle due parti cominci a nascere un coinvolgimento emotivo, ma questa è un’altra storia.
  2. One night stand: è esattamente quello di cui parlavamo poc’anzi, ossia l’abitudine di avere rapporti occasionali con conoscenti o estranei, senza avere alcuna aspettativa sul prosieguo di una qualche relazione a posteriori.
  3. Booty call: più che una tipologia di relazione, questa è una pratica che viene condivisa soprattutto tra “amici coi benefici“, per dirla all’italiana, o conoscenti. In sostanza, si tratta di appuntamenti mirati soltanto ad avere rapporti sessuali, impostati esattamente così e, quindi, spesso collocati ad orari molto tardi, per evitare che si possa fraintendere la finalità del rendez-vous con un dating vero e proprio.
  4. F*ck buddy: molto simili ai “friends with benefits“, le persone che impostano in questo modo la loro relazione, in genere, si frequentano regolarmente, con il solo fine di avere rapporti sessuali, senza coinvolgimenti amorosi e senza condividere nemmeno amicizie importanti.

Le statistiche

Secondo le statistiche, sarebbero gli uomini ad intrattenere, in maggioranza, relazioni del genere senza crearsi troppi problemi, mentre le donne avrebbero una linea comune di “speranza” differente sul futuro di queste relazioni; la verità è che l’evoluzione dei sentimenti non è sempre prevedibile, anche a monte di paletti prefissati, tant’è che, da un sondaggio condotto online qualche anno fa, sono emersi dati molto interessanti: su 246 persone, il 35,4% si auspicava di traslare tutto verso una relazione romantica, il 34,2% (quindi quasi a pari merito) avrebbe lasciato tutto così com’era, il 14,2% sarebbe tornato all’amicizia senza sesso e il 5,8% avrebbe voluto interrompere tutto, con un 10,4% piuttosto indeciso e senza una linea fissa né da seguire né da “augurarsi”.

Una riflessione

La sfera delle emozioni umane è, come abbiamo detto, infinitamente cangiante e differenziata: nessuno può stabilire, a priori, cosa accadrà o cosa proverà. È sempre bene intraprendere relazioni del genere nella piena consapevolezza e, soprattutto, conoscendo anche i rischi che si corrono: soffrire, perdere un amico, rimanere incastrati in situazioni da cui diventa poi estremamente invischiante e difficile uscire.

D’altro canto, in un’atmosfera del genere, la vittoria dei manipolatori e della auto-manipolazione è assicurata: si vuole esclusività, ma non troppa, si desidera una persona di fiducia ma solo per il proprio tornaconto, si sceglie una relazione “evoluta” rispetto ai “vecchi standard” ma senza speranze che evolva… insomma, a guardare dall’esterno potrebbe sembrare che tutto questo non sia altro che il frutto di una società che vuole tutto e subito, senza farsi domande, senza alcun tipo di sacrificio e, soprattutto, senza guardare al di là del proprio naso.

Salvando la pace di quelle relazioni temporanee che non creano danno, dolore o aspettative in nessuno, molte di queste storie virano “accidentalmente” in altre “etichette”, diventando fonte di profonde sofferenze per almeno una delle due parti.