YourMag » gossip » La voce di Nina Moric sul caso Fabrizio Corona: “Non cantiamo vittoria inutilmente!”

La voce di Nina Moric sul caso Fabrizio Corona: “Non cantiamo vittoria inutilmente!”

Esulta Fabrizio Corona. In quell’aula di tribunale in cui troppe cose si son dette e tante altre sentite.

Durante l’ultima udienza tenuta al tribunale di Milano sul caso Fabrizio Corona, c’è stata una svolta decisiva nelle indagini. Accusato di evasione fiscale ai danni dello stato italiano, l’ex fotografo dei vip, è stato però assolto da quella che sarebbe stata l’accusa più grave.

Assolto per non aver commesso il fatto, cadono tutte le accuse sulla condanna peggiore: intestazione fittizia dei beni. Dopo un anno di indagini e processi, Fabrizio Corona è stato condannato a scontare un anno di reclusione in carcere per il denaro rinvenuto nell’ormai famoso appartamento milanese non dichiarato allo stato. 

Oltre alla condanna però, arriva quindi l’assoluzione per altre due accuse che erano state i cardini di questo processo. Oltre alla precedente sopracitata, la seconda accusa per l’ex fotografo era quella della violazione delle norme patrimoniali sulle misure di prevenzione. 

Accusa ritirata ed assoluzione. Motivo per il quale Fabrizio Corona, davanti alle dichiarazioni ufficiali del giudice, si lascia andare ad un esaltazione liberatoria in aula. urla, battendo i pugni sulla scrivania: “Sì. Giustizia è stata fatta!”. Non riuscendo a trattenere l’emozione. 

In aula tra le lacrime di commozione e gioia anche la fidanzata di Corona, Silvia Provvedi. La ragazza non smette di piangere neanche quando il suo compagno, leggendo un passo di una lettera da lui scritta in carcere, definisce l’amore per Silvia vero e lei una donna unica e speciale. 

Sui social però, arriva puntuale la voce della ex compagna di Corona, Nina Moric. La modella e showgirl, con un lungo e sentito post su Instagram, invita tutti i fan di Fabrizio a non cantare vittoria così facilmente. Il 21 giugno ci sarà infatti un’altra sentenza che era stata precedentemente bloccata, che potrà essere quella definitiva. 

La donna, parla per il bene di suo figlio e così scrive: “Mi auguro, anche io, che tutto vada bene ma vi invito a non divulgare notizie false”. Infine, conclude: “Mantenete la calma, per lui”.