YourMag » Moda » La sottoveste compie 70 anni… ma non li dimostra!
la sottoveste compie 70 anni

La sottoveste compie 70 anni… ma non li dimostra!

La moda è un affare assai strano: ogni anno detta legge sui capi d’abbigliamento, i colori e le tendenze che faranno la storia sociale nel mondo. Eppure, ci sono abiti destinati a sparire in breve tempo, meteore del panorama fashion, altri che tornano a fasi alterne e gli intramontabili evergreen. Tra di essi, la sottoveste si è ritagliata un posticino di tutto rispetto.

Cassetti, armadi, guardaroba per ogni stagione: la sottoveste è riuscita ad inserirsi nella quotidianità delle donne in moltissimi ambiti e svariate proposte. Camicia da notte sexy per l’estate, coordinata con un maxi-cardigan per le giornate invernali, abbinata a ballerine, sneakers o tacchi, a seconda delle occasioni, questa meraviglia al femminile si è dimostrata estremamente versatile, con la capacità di rinnovarsi di continuo.

Storia e origini

Sembra incredibile, ma le radici di questo capo d’abbigliamento affondano in tempi molto lontani, esattamente nel sedicesimo secolo, quando il suo ruolo era ridurre il girovita o sagomare le gonne.

E’ stato solo nel 1947, però, e quindi esattamente 70 anni fa, che la sottoveste si è ritagliata una scaffalatura tutta sua in armadio, con quella che venne definita la “rivoluzione della biancheria“, e con la sfilata di Marcel Rochas, aperta da una modella incredibilmente sexy, per quei tempi, avvolta in una sottoveste di raso bianco e in un corpetto di pizzo nero, venne definitivamente consacrata.

Per tantissimi anni questa lingerie è rimasta appannaggio dei fortunati che, sotto i vestiti, potevano vederla, ritrovandosi in intimità con chi l’indossava, ma poi le cose sono cambiate, evolute, grazie anche al trend creato da Kate Moss, per il quale la sottoveste ha preso i connotati di un vestito e non più di intimo.

Nel tempo anche i tessuti si sono succeduti a sagomarla, passando da quelli più preziosi a quelli più comuni, riuscendo a incontrare e a soddisfare le esigenze di ogni tipo di donna.

Colori e stili

Le sottovesti sono oggi proposte in moltissimi stili diversi: tessuti pregiati, chic, eleganti, glamour, super sexy o merlettati, che si colorano di sfumature che vanno da quelle neutre (color carne, avorio, bianco) alle classiche in nero o rosso, fino ad arrivare alle ultime arrivate, con temi floreali, decorazioni o tinte allegre.

E’ la rivincita dell’underwear, che ha cominciato a prendere posto non solo tra le lenzuola, ma anche ad aperitivi, uscite informali e giornate di lavoro in ufficio. Perché se da un lato il vero e proprio pigiama ha lasciato spazio a comode tute, pantaloni e t-shirt, dall’altro questi stessi abiti possono essere usati, durante il giorno, per moltissime altre occasioni. E se questo può succedere per una tuta comoda e sportiva, come potrebbe non accadere per della lingerie super sexy pronta a sfoggiare merletti e pizzi sotto una giacca?