YourMag » Sessualità » Il sesso migliore? Lo svela la scienza
Il sesso migliore? Lo svela la scienza

Il sesso migliore? Lo svela la scienza

Che il sesso sia una parte importantissima della vita di coppia è ormai risaputo. Ma esiste una performance “migliorabile in assoluto” e, in caso affermativo, che caratteristiche ha?

La chimica tra due persone, come abbiamo visto, è fondamentale affinché l’attrazione sessuale metta benzina nei propri motori, anche se, ovviamente, non è tutto in un rapporto, che è fatto anche di complicità, rispetto, compromessi e sentimento.

Tuttavia, con il passare del tempo, il sesso può trasformarsi in una noiosa routine anche per le coppie più focose, che non sanno come ricercare nuovi stimoli; una situazione che può creare moltissime incomprensioni e tensioni e persino diventare fatale per la relazione stessa.

Cosa dice, quindi, la scienza in proposito? Si può migliorare la propria prestazione sessuale e stuzzicare l’intesa della vita di coppia?

Gli studi scientifici

Sono almeno due gli studi scientifici da citare in tema sessualità.

Il primo, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine, rivela qualcosa che, in fondo, noi donne abbiamo sempre saputo: un po’ di pancetta sul corpo maschile può fare sicuramente bene al sesso!

Pare infatti che ci sia un divario di circa 4 minuti tra la durata media, sotto le lenzuola, di un “cicciotto” e di un fissato con la linea e la forma fisica. Insomma, la tartaruga non soddisferebbe molto altro degli occhi, a causa del fatto che il grasso localizzato sull’addome produrrebbe estradiolo, un estrogeno, in pratica un ormone femminile, che è capace di ritardare l’orgasmo maschile.

Sull’Archives of Sexual Behavior, invece, è stato pubblicato un altro studio, condotto dalle università di Toronto, che riguarda quello che oggi i giovani chiamano l’aftersex

Si parla spesso dei preliminari come carburante per la durata del rapporto sessuale, soprattutto se coinvolge zone erogene differenti dai genitali, ma poco ci si concentra, invece, sulle coccole post-sesso che pare siano molto importanti. Molte coppie non sperimentano questo momento di pace e di intimità a causa della reticenza di lui o di lei, e sono in tanti i partner che, silenziosamente, cercano di accettare questo tipo di condizione senza farne un dramma e trovando le giustificazioni più disparate; a volte anche mentendo a se stessi. La ricerca, infatti, ha dimostrato come le persone più soddisfatte della loro sfera sessuale siano quelle che passano più tempo a coccolarsi e a scambiarsi effusioni dopo il sesso.

Altri consigli

C’è chi mira a collezionare cibi afrodisiaci e chi si inventa strane procedure quasi “magiche”, ma la formula per l’amore perfetto è ben lontana dall’essere qualcosa di mistico, anzi; è molto più terrena e ce ne si può occupare in prima persona.

Sperimentare, nella maniera più incredibile e più lontana dai tabù, ma nella piena consensualità dei due partner, è sicuramente l’elisir di lunga vita per una passione sempre rinnovata nel tempo e negli anni. Anche mangiare sano, con alimenti ricchi di potassio e prediligendo cibi “vegetariani” può essere una valida strada da percorrere: pare, infatti, che i veg abbiano una potenza sessuale doppia rispetto agli onnivori, stando ai risultati di alcuni studi.

Infine, anche l’attività motoria può fare la sua parte, e se da un lato stimola l’adrenalina e l’intesa, tra sudore, calore e abiti attillati, dall’altro, concentrandosi soprattutto sulle zone pelviche, il riscontro durante l’attività sessuale sarà immediato e assolutamente positivo.

Insomma, curare sé stessi implica anche curare la coppia e, di conseguenza, uno dei suoi aspetti più importanti: la sessualità, che può restare viva e intensa anche in età dove i capelli bianchi dominano la scena!