YourMag » Sessualità » Il bacio: l’anticamera del buon sesso
Il bacio: l'anticamera del buon sesso

Il bacio: l’anticamera del buon sesso

L’ardore di quel bacio non li abbandonò per molti giorni e riempì di fantasmi delicati le loro notti, lasciando il ricordo sulla pelle, come una bruciatura” – D’amore e ombra, Isabel Allende

Parlando di baci, non esiste forse evocazione più bella di quella sopracitata della Allende.

La generazione odierna, fatta di smartphone, di internet, di “tutto e subito“, ha probabilmente avuto un imprinting alla vita diverso da quelle precedenti, che forse sapevano gustarsi meglio alcuni momenti e alcune fasi della vita.

Il guaio è che questo accade anche con le relazioni: al primo sintomo di malessere, vengono gettate via come una qualunque delle merci usa-e-getta che il consumismo propone, senza prendere in considerazione l’idea di poter curare, riparare, imparare, persino crescere e migliorare.

La stessa cosa accade con il sesso. Ci si incontra in discoteca, ci si lancia occhiate languide in un bar e pochi minuti dopo si è già l’uno nella braccia dell’altro. Tante, tantissime volte si collezionano anche avventure di una sola notte, che poco lasciano e poco insegnano e, anzi, il più delle volte risultano anche insoddisfacenti. Come mai?

Dimmi come baci e ti dirò che intesa avremo

Se già il bacio viene “relegato” alla fase dei preliminari, dandogli, troppo spesso, meno dello spazio che meriterebbe, figuriamoci quanto si dedica e si pensa ai preliminari del bacio stesso!

In effetti, da quando il sesso è diventato affare di tutti, a portata di mano persino per gli adolescenti, il ruolo del bacio è stato un po’ sminuito: ormai baciare è come dare la mano a qualcuno, diciamocelo, quell’istante magico o appassionato ha perso tantissima di quella valenza che aveva in passato.

Forse, se si cominciasse a baciare quando davvero se ne ha voglia, se si desse a questo gesto il giusto spazio non solo temporale, ma anche “sensoriale”, dandosi la chance di assaporare, toccare, sentire ed odorare l’altro, si capirebbero in anticipo tante cose, persino quella che sarà la futura intesa sessuale!

I preliminari… dei preliminari

Il ruolo del bacio, in realtà, è potentissimo: quante volte vi è capitato di non andare “oltre” proprio perché il bacio vi era risultato non gradito o addirittura pessimo?

Ecco perché è importante dare spazio ai suoi preliminari: sguardi, carezze, frasi sussurrate all’orecchio, concedere il giusto tempo a quella intimità che altro non è che il preludio di tutto, del bacio, del sesso e forse anche dell’inizio di una storia. Non è necessario chiedere, “parlare troppo”: se un bacio è gradito si capirà dall’intesa e dall’atmosfera che si crea, non bisogna rischiare di rompere l’incantesimo!

E soprattutto, appassionatevi: sfiorate le labbra, anche con le dita, non cercate di andare subito al sodo ma assaporate ogni momento, magari accarezzando il viso dell’altro con le mani. Il bacio, così, diventa un’esperienza, un nuovo elemento di “conoscenza” dell’altro, un anticipo su quello che le due persone in gioco capiranno di volere che accada.