YourMag » Vita di Coppia » I single ingrassano più delle persone sposate
single ingrassano di più

I single ingrassano più delle persone sposate

Il matrimonio, al contrario di quello che fino ad oggi era una sorta di legge non scritta, aiuta a perdere peso invece che a mettere su la pancetta.

E’ quello che è stato scoperto a seguito di uno studio giapponese sul diabete.

Lo studio

Di recente uno studio condotto presso l’università di Yokohama con a capo il dottor Yoshinobu Kondo, ha dimostrato che gli uomini sposati in particolare ingrassano molto meno rispetto ai single.
Lo studio è stato condotto su 270 soggetti, tutti affettti da diabete di tipo II e con un’età intorno ai 65 anni.
Dopo la misurazione delle caratteristiche antropomorfe, come altezza e peso, è stato anche definito il cosiddetto “indice di massa corporea”, per il quale servono appunto questi 2 dati.
Con l’indice di massa corporea è possibile anche calcolare la presenza della percentuale di grasso nell’organismo.
Da qui i ricercatori hanno evidenziato che negli uomini sposati (ma non nelle donne), l’indice di massa corporea indicava che erano più magri rispetto ai single o celibi.
Il rapporto è risultato di 180 contro 90 soggetti presi in esame e, per l’esattezza, i single avevano in media 25,5 kg di grasso contro i 18,5 degli uomini sposati.
Le conclusioni a cui è arrivato lo studio è che i single hanno il 50% in più di possibilità di contrarre malattie dismetaboliche come il diabete, la colesterolemia, i trigliceridi alti e anche altre patologie.
I single in altre parole conducono uno stile di vita non sano, hanno un’alimentazione non regolare e potenzialmente disordinata.
Questo predispone i single a prendere peso rispetto a chi, invece, è sposato per una serie di motivi “pratici”, che fanno la differenza di chi vive una convivenza e chi, al contrario, ha scelto di non vivere sotto lo stesso tetto.

La differenza di peso tra single e sposati
La tendenza al sovrappeso e all’obesità dei single li predispone nel tempo a soffrire di altre patologie correlate al sovrappeso o all’obesità come l’ipertensione, ma anche una degenerazione del sistema cardiocircolatorio, con i vasi sanguigni che non riescono più a trasportare il sangue al meglio per vascolarizzare i tessuti e gli organi.
Gli uomini sposati sarebbero quindi maggiormente tutelati rispetto a questi pericoli per la salute dalla vicinanza di una moglie. E’ il sostegno sociale e anche la forma di “controllo” familiare che porta a un’alimentazione più sana e quindi alla prevenzione di alcune malattie legate proprio al sovrappeso.
Questi importanti risultati, evidenziati anche da altre ricerche come quella che ha dimostrato il 14% in più di possibilità di sopravvivere a un infarto per chi è sposato, sono stati presentati durante una conferenza a Monaco di Baviera.
La ricerca ha dato modo di sottolineare quanto può essere importante il sostegno tra i coniugi, le occasioni di uscita o di attività in coppia, una condotta di vita tutt’altro che sedentaria e la regolarità nell’alimentazione.
Influisce anche una questione emotiva, di appagamento rispetto alla componente affettiva che ridimensiona gli attacchi di fame nervosa, molto più frequenti invece nei single.