YourMag » Famiglia » Famiglia: come gestire una blended family
Famiglia: come gestire una blended family

Famiglia: come gestire una blended family

Oggi sono molto frequenti le blended family, ossia le famiglie “ricomposte”, “miscelate”. Ciò avviene quando due partner costituiscono una nuova famiglia con i bambini nati da precedenti relazioni.

Naturalmente questa nuova “realtà” non è semplice da gestire. Se per i genitori può essere entusiasmante vivere una nuova relazione sentimentale, per i figli non è detto che ci sia tutto questo entusiasmo.

I figli, infatti, si ritrovano costretti a vivere con degli sconosciuti, sia che si tratti del nuovo compagno del proprio genitore sia che siano i fratellastri. A volte devono convivere anche con la “paura” che nascano altri figli da questo nuovo rapporto. Alcune volte, poi, il partner è vedovo e i figli orfani, e questo complica maggiormente l’ingresso nella nuova famiglia.

Famiglia: come vivere felici in una blended family

Far funzionare una “famiglia miscelata” non è un’impresa da poco. Il primo errore da evitare è quello di crearla ad immagine e somiglianza della precedente. E’ una nuova realtà e, quindi, ha le sue regole, le sue abitudini, i suoi tempi. Ecco allora qualche consiglio per essere una blended family e vivere felici.

La parola d’ordine è saper aspettare

Quando finisce una relazione e si incontra un nuovo amore è forte il desiderio di ricostituire una nuova famiglia, ma bisogna saper aspettare. Prima di decidere è necessario abituarsi all’altra persona, al suo mondo, alle sue consuetudini ed, eventualmente, ai suoi figli. Precipitare le cose potrebbe rovinare tutto, è meglio aspettare non meno di un anno.

Inoltre, i due componenti della coppia devono ritagliarsi un loro spazio per evitare di essere fagocitati dai cambiamenti, dai figli e dai problemi creati dalla nuova convivenza.

Sono essenziali il rispetto e la comprensione

Il rispetto e la comprensione sono sempre importanti, ma in una blended family sono fondamentali.

Quando tante persone “sconosciute” si ritrovano ad abitare sotto lo stesso tetto, non si può non essere civili, che non vuol dire essere falsi, ma semplicemente vivere in modo sereno, rispettandosi e non ignorandosi.

Il rispetto, però, non deve esserci solo da parte dei piccoli verso gli adulti, ma anche da parte degli adulti verso i piccoli. Infine, è essenziale che ognuno rispetti gli spazi degli altri.

Come far funzionare il rapporto con i bambini

Un altro aspetto delicato delle blended family è quello di riuscire ad andare d’accordo con i bambini di entrambi i partner e farli andar d’accordo tra loro.

Innanzitutto, è bene decidere con il partner quali ruoli genitoriali bisogna avere e non imporli ai figli ma, giorno dopo giorno, trasmetterli in casa.

Sembra scontato ma non lo è: mai avere preferenze e sostenere, anche con piccoli gesti, i figli del partner. All’inizio, magari, questo sostegno non sarà apprezzato o ricambiato ma, a poco a poco, accadrà.

E’ molto utile anche cercare di costruire un rapporto con i figli dell’altro, magari creando una routine con loro. Infine, non escludere mai i genitori biologici dalla vita dei bambini.