YourMag » Dieta » Dieta vegana
Dieta Vegana

Dieta vegana

Per dieta vegana si intende un regime alimentare che si basa sull’utilizzo di cibi vegetali, escludendo qualsiasi alimento di origine animale.
In questo tipo di alimentazione dominano incontrastate frutta e verdura, ma anche cereali integrali e legumi vari, alghe e semi oleosi, nonché prodotti derivati dai cibi citati, come, ad esempio, il latte di riso, il malto di cereali, il tofu di soia, il saitan di grano, le lecitine, i burger di legumi, le creme di semi e gli oli vegetali.

Scopi della dieta vegana
I motivi che portano tante persone alla scelta di una dieta su base vegetale possono essere etici, religiosi, ecologisti e/o salutistici, ma certamente condividono tutte il bisogno di non essere crudeli con gli animali, anch’essi esseri viventi del nostro pianeta.
Gli scopi legati alla salute riguardano soprattutto la prevenzione delle malattie cardiovascolari e tumorali attraverso l’eliminazione dei cibi di derivazione animale, non pensando semplicemente alla carne, alle uova e al pesce, ma anche ai comunissimi latticini, come i formaggi, ed anche al miele prodotto dalle laboriose api.
Scopo ecologico: producendo meno carne vengono distrutte meno aree forestali non dovendo più creare nuovi pascoli per far pascolare il bestiame.

I vantaggi e rischi dell’alimentazione vegana
La frutta e la verdura sono ricche di fibre, vitamine, acqua, micronutrienti e sali minerali, i legumi di proteine, i cereali di carboidrati complessi e i semi di grassi vegetali; i vantaggi sono dunque facilmente intuibili perché questi cibi, se cucinati leggeri o mangiati crudi:
– ci aiutano in una dieta dimagrante;
– contengono antiossidanti e fitoestrogeni, preziosi alleati per contrastare i processi di invecchiamento, i disequilibri ormonali e gli effetti dell’inquinamento e dei raggi UV;
– le fibre idrosolubili rendono più lento l’assorbimento degli zuccheri e dei grassi e facilitano l’evaquazione intestinale;
– la depurazione dell’organismo è più efficace;
– riduzione del colesterolo;
– riduzione dell’ipertensione.

Le controindicazioni della dieta vegana sono legate ad alcune carenze nutrizionali dovute alla minor presenza nei cibi vegetali di alcune sostanze importanti come il ferro, il calcio e le vitamine D e B12 e alla mancanza di alcuni aminoacidi essenziali. Ebbene, per quanto riguarda le proteine, è possibile combinare alcuni cibi perché si possano formare tali aminoacidi, ad esempio unendo i cereali ai legumi, come nella “pasta e fagioli”, mentre le carenze di alcune vitamine e minerali sono risolvibili utilizzando sia i cibi integrati, come il latte di soia cui è stato aggiunto calcio, che gli integratori. Infine l’esposizione al sole facilita la sintesi della vitamina D.