YourMag » Vita di Coppia » Coppia: se l’abitudine logora il rapporto
Le abitudini che logorano i rapporti di coppia

Coppia: se l’abitudine logora il rapporto

La routine all’interno della coppia, può diventare senza dubbio un grande nemico per una relazione sentimentale.

Ogni coppia ha le sue abitudini ed è naturale che sia così, però bisogna stare attenti affinché queste non diventino dannose per il rapporto.

In molte occasioni, infatti, si fanno le cose solo per abitudine, senza interrogarsi se sia giusto o se serva a qualcuno o a qualcosa farle.

Coppia: quali abitudini possono rovinare una relazione d’amore

La routine apparentemente innocua e normale, dunque, può rovinare la vita di coppia, se perpetrata nel tempo. Così, è il caso di guardare e analizzare con occhio un po’ più critico le proprie abitudini perché, magari, nascondono delle insidie che consumano la storia d’amore.

Guardare la situazione con onestà

La prima abitudine che è necessario cambiare è quella di illudersi che il rapporto vada a gonfie vele, perché a volte non è così. Per questo motivo, si fanno le cose più assurde (anche fare un figlio, magari) per confermarlo. Naturalmente ciò non migliora le cose.

Il tempo da passare insieme deve essere quello giusto

Se la routine ordinaria e consolidata della coppia prevede che lui e lei passino la maggior parte del loro tempo separati e si vedano a casa solo quando vanno a dormire, c’è qualche cosa che non va. Stare lontani per tante ore non è salutare per la coppia, come non lo è aver acquisito l’abitudine di fare sempre tutto insieme. Se non si fa nulla senza che ci sia anche il partner, vuol dire essere dipendenti da lui e ciò, a lungo andare, può appiattire il rapporto perché non c’è nulla da raccontarsi, visto che si fa tutto insieme. Allo stesso modo la relazione è malsana se si vive in funzione dell’altro e solo per renderlo felice. Pensare alla felicità del proprio compagno e contribuire ai suoi successi è molto bello, ma non bisogna mai perdere di vista la propria felicità e la propria realizzazione emotiva e professionale.

Il compagno non deve essere il proprio salvatore

Confidarsi con il proprio compagno è importante e rafforza il legame, ma renderlo partecipe di tutte le proprie emozioni è eccessivo. Non tutto quello che si pensa deve essere per forza condiviso con il partner, perché alcune emozioni si devono elaborare senza il suo supporto. Questo rende una donna più autonoma emotivamente, come la rende più indipendente e sicura di sé non chiedergli consiglio anche per le cose più banali, chiamandolo di continuo. Infine, un marito o un fidanzato non devono risolvere i problemi emotivi della compagna. Il sostegno deve esserci, è ovvio, ma non è dovuto e, quindi, non si deve pretendere che sia lui a eliminare ogni problema e recriminare se non lo fa.

Qualche bugia non fa male alla coppia

Lui si crede un grande chef, ma obbiettivamente non è così? Non è necessario dirglielo, come non si deve dare, per forza, la propria opinione su tutto quello che dice o fa. Mentire, ogni tanto, non è una tragedia.