YourMag » Vita di Coppia » Coppia: quando non dire “ti amo”
Coppia: quando non dire "ti amo"

Coppia: quando non dire “ti amo”

Dire “ti amo”, soprattutto la prima volta, è molto bello ed importante. Può capitare, però, che in alcune occasioni queste due parole perdano il loro significato più vero.

Dietro questa frase, infatti, c’è sempre -o dovrebbe esserci- un significato molto profondo, che però rischia di venire meno se è detta nel momento sbagliato.

A volte, ci si lascia trasportare dagli eventi e dalle situazioni e si dice “ti amo”, anche quando non si è particolarmente convinti e consapevoli.

Coppia: i momenti in cui è meglio non dire “ti amo”

Si può dire “ti amo”, magari solo per compiacere il proprio compagno, ma anche perché si viene colti alla sprovvista e, così, la prima risposta che viene in mente è quella di ricambiare con le stesse parole. Purtroppo, però, non sempre questa è la cosa migliore da fare. Vediamo, allora, quando è meglio non dire “ti amo”.

Mai farsi prendere dall’ansia

E’ importante capire che queste parole non vanno dette solo perché, magari, ancora non si sono mai pronunciate. Non esistono regole né è obbligatorio dirselo, poiché ci sono coppie felicissime e che si amano alla follia, anche se non si sono mai dette “ti amo”. Allo stesso modo, niente ansie se ancora non è stato detto a nessuno e, quindi, non si vede l’ora di farlo. Così, se ci si trova a vivere la prima storia seria e si hanno queste paroline sulla punta della lingua, è bene valutare la situazione, prima di lasciarsi andare in proclami d’amore, che potrebbero risultare anche fuori luogo e troppo affrettati.

Attenzione alla troppa passione

Un’altra cattiva consigliera è senza dubbio la troppa passione. Così, mai dirlo dopo aver fatto l’amore, poiché in quel momento non si è proprio lucidissimi e, quindi, si potrebbe dire qualsiasi cosa. Meglio tacere. Da non fare neanche perché si desidera che lui giuri amore eterno ed incondizionato, dopo una notte tutta fuoco e fiamme.

Guardarsi sempre da chi ne approfitta

Questo, in realtà, è un atteggiamento più usato dagli uomini che dalle donne. E’ essenziale, per esempio, non lasciarsi abbindolare da chi convince la propria compagna a non lasciarlo perché lei lo ama, nonostante lui non si comporti bene. Questo non è amore, ma dipendenza. Così come non è amore se il partner lo dice per evitare di litigare. Dirlo non deve essere un modo per rabbonire la propria partner.

Dire “ti amo” non dà certezze eterne

L’errore che fanno alcune donne è quello di credere che queste due parole possano legare per sempre un uomo. Attenzione perché non è così. Dire “ti amo” non serve per sentirsi più sicure del proprio compagno, costretto non solo a dimostrare i suoi sentimenti con i fatti, ma anche con le parole.