YourMag » Vita di Coppia » Coppia: anche i “no” hanno il loro valore
Coppia: anche i “no” hanno il loro valore

Coppia: anche i “no” hanno il loro valore

Nella fase dell’innamoramento la parola d’ordine è “sì”. Quando si comincia una relazione, si condivide tutto e ci si identifica nell’altro completamente. Con il passare del tempo, però, le cose cambiano.

Quando la relazione prosegue, infatti, ciò che prima combaciava perfettamente ed appariva bellissimo, senza se e e senza ma, comincia a sembrare diverso, a mostrare delle imperfezioni.

Tutto questo è naturale e non vuol dire che una coppia entra in crisi, ma significa che dopo i “sì” incondizionati arrivano anche i “no” davanti a ciò che non si condivide più. Anche questi, però, vanno rispettati quanto i “sì”.

Coppia: dire dei “no” aiuta a far crescere la relazione

Saper dire dei “no”, dunque, è molto importante e non pregiudica affatto la relazione sentimentale, anzi arricchisce e fa crescere il rapporto di coppia e i suoi componenti.

Dall’innamoramento all’amore costruttivo e duraturo

Tutto questo passaggio è fisiologico: passare dalla fase romantica dell’innamoramento a quella più reale, è inevitabile per tutte le coppie, o quasi. Ci sono infatti alcuni studi che dimostrano che diverse coppie sono ancora nella fase dell’innamoramento anche dopo vent’anni di convivenza. Dall’innamoramento si passa all’amore costruttivo e duraturo, dunque, quando si vede l’altro com’è veramente, anche nei suoi difetti, e quando, con queste nuove consapevolezze, si decide di costruire attivamente e reciprocamente il rapporto, che deve passare anche attraverso i “no”.

Dall’unità al “noi” formato da due entità distinte

Dire dei “no”, inoltre, aiuta a ritrovare la propria identità all’interno della coppia e a non essere più fusi l’uno nell’altra. Dopo la fase dell’innamoramento, quindi, si raggiunge e si riacquista la consapevolezza di essere due persone distinte, con desideri, gusti ed interessi che non devono coincidere per forza e sempre.

Avere maggiore attenzione verso l’altro

La vera sfida per una coppia che ambisce ad essere coesa e a durare nel tempo è quella di saper dire dei “no”, ma non di usarli come dei muri per dividere bensì come dei confini, che sono fondamentali per dialogare e creare nuovi territori di confronto e di discussione per i due partner. Chi riceve un “no” dal compagno o dalla compagna, però, non deve chiudersi ed offendersi, ma deve parlare e spiegare all’altro che cosa significhi questo “no” in termini di sofferenza e difficoltà che si provano quando lo si riceve. Il comprendere che non si è perfettamente uguali e che ci sono cose che il partner non vuole fare, mette davanti alla realtà e fa sì che si presti maggiore attenzione alle sue esigenze e ai suoi bisogni, ma anche a se stessi. Tutto questo, inoltre, permette di essere più liberi e di non fare scelte che non si vorrebbero fare solo per la paura di perdere il proprio compagno.