YourMag » gossip » Chiara Biasi vittima di bullismo sul web: ecco come la fashion blogger si difende dalle accuse

Chiara Biasi vittima di bullismo sul web: ecco come la fashion blogger si difende dalle accuse

Chiara Biasi, una delle prime ed amate fashion blogger italiane, è stata vittima di una faccenda poco piacevole nei giorni scorsi. 

Chiara Biasi è uno dei personaggi più seguiti ed amati del web. Lei stessa ama oramai definirsi Lifestyle blogger e non più fashion blogger, proprio perchè i suoi consigli sulla vita quotidiana in generale sono apprezzati dai suoi follower. 

Il suo personaggio, è stato però preso di mira nei giorni scorsi da tigri da tastiera, che hanno mosso delle pesanti critiche alla ragazza. La stessa Chiara Biasi, che, come molti dei personaggi pubblici è sottoposta anche a dure critiche da parte di haters, questa volta non ha retto il colpo. 

La stessa Biasi, ha denunciato tramite il proprio profilo Instagram foto e video di chi pesantemente insultava lei ed il suo fidanzato. Anche Simone Zaza infatti, è stato preso di punta da quando è al fianco della blogger.

Si sa, il web è un luogo pericoloso.. può dare al giorno d’oggi, grandi soddisfazioni ma allo stesso tempo, se usato scorrettamente può provocare guai. Come tradizione vuole, anche in questo caso, non appena Chiara ha postato pubblicamente le accuse che le erano state rivolte, il popolo dei social si è schierato e diviso. 

 Voi fate bullismo perché ‘noi’ siamo personaggi pubblici e dobbiamo accettare le critiche… Andateci a quel paese, fateci una piroetta e tornateci pure. Siete degli invisibili e tali rimarrete. Ciao ciao”. Con questo post su Instagram la Biasi cerca di racchiudere al meglio il suo pensiero a riguardo, mentre nel frattempo le protagoniste delle critiche e degli insulti, le chiedono cordialmente di eliminare i post i cui la Biasi fa i loro nomi pubblicamente. 

Dopo un’ennesimo e lungo post di risposta, la Biasi conclude il suo pensiero così: “Il web dovrebbe abbattere le barriere, non crearne di nuove e piene di odio come state facendo. Vergognatevi o almeno riflette”.