YourMag » Casa » Casa: gli errori frequenti quando si pulisce
Casa: gli errori frequenti quando si pulisce

Casa: gli errori frequenti quando si pulisce

Molte volte si crede di aver pulito alla perfezione la propria casa, ma in realtà non sempre è così perché si commettono degli errori molto frequenti.

Errori più o meno grandi e di cui magari non ci si rende conto, e che vanificano ore di lavoro per tirare a lucido la propria abitazione.

I lavori domestici, quindi, devono essere svolti con grande attenzione per evitare che la casa resti sporca, nonostante gli sforzi per cercare di rendere ogni angolo lindo.

Casa: cosa non si deve fare quando si fanno le pulizie

Ecco, allora, un piccolo elenco degli errori da non fare quando si fanno le pulizie domestiche. Stare attenti a come si utilizzano gli strumenti, come stracci e scope, o a come si cura la manutenzione degli ausili elettronici, quali aspirapolvere o lavatrici, quindi, è essenziale per far brillare la propria casa.

Come sconfiggere la polvere

Chi pensa che il piumino tolga la polvere alla perfezione, deve ricredersi. Questo, infatti, non fa altro che spargere i granelli di polvere in tutta la casa. Per intrappolare veramente la polvere è molto meglio usare un panno carta usa e getta o un panno in microfibra, impregnato di un prodotto specifico, che però non va spruzzato direttamente sulle varie superfici. E’ molto importante, inoltre, utilizzare diversi panni per varie zone della casa. Servirsi dello stesso, infatti, significa portare sporco e germi da una parte all’altra.

Tenere puliti gli elettrodomestici

Per tenere pulita la casa, ma anche la biancheria, è fondamentale pulire gli elettrodomestici quando si usano. Per quanto riguarda l’aspirapolvere, è bene ripulire gli accessori con un panno in microfibra inumidito o della carta da cucina bagnata e svuotare il sacco in cui si raccoglie la polvere. Anche la lavatrice va tenuta pulita. Per quelle con oblò frontale si può versare una soluzione fatta con bicarbonato ed acqua in tutti gli scomparti e due tazze di aceto nel cestello. Dopo aver fatto un ciclo di lavaggio alla temperatura più alta, asciugare ogni parte della lavatrice. Se, invece, si carica dall’alto, si deve fare un ciclo più lungo e alla massima temperatura e, quando il cestello è quasi pieno, mettere un litro di aceto e una tazza di bicarbonato. Il coperchio deve stare aperto e il programma in pausa per non meno di un’ora, l’oblò chiuso e si deve finire il lavaggio. Non dimenticare di pulire l’interno, lasciando lo sportello aperto per far sì che il cestello si asciughi.

Attenzione alla cucina

Anche in cucina si fanno degli errori, che andrebbero evitati. La lavastoviglie, per esempio, è un valido aiuto, ma non vi si può lavare tutto. Da non utilizzare ad esempio per lavare utensili da cucina con fori molto piccoli, perché non riesce a pulirli a fondo, quindi meglio lavarli a mano. Il lavandino, poi, non va mai trascurato perché è ricettacolo di germi e batteri e, allo stesso modo, ogni settimana lo scarico va pulito con il bicarbonato. Infine, il tagliere non va mai lavato con il detersivo, ma con una soluzione di acqua e perossido d’idrogeno, poi va sciacquato ed asciugato bene.