YourMag » Casa » Camera da letto perfetta: ecco come deve essere
Camera da letto perfetta: ecco come deve essere

Camera da letto perfetta: ecco come deve essere

La giornata mondiale del sonno, stabilita il 16 marzo, ci ricorda l’importanza di riposare bene. Ma come deve essere la camera da letto per favorire il sonno?

La camera da letto è il posto della casa deputato al riposo e, per far sì che si dorma bene ogni notte, è sufficiente seguire qualche piccolo consiglio per il suo arredamento.

Diventa così essenziale scegliere con cura materasso, cuscino e posizione, che possono aiutarci a dormire sereni e beati come dei bambini.

Dormire bene? Ecco come deve essere la camera da letto

Posizione all’interno della casa, arredamento e colori diventano fondamentali, e scegliere quelli giusti vuol dire riposare bene, godendo di tutti i benefici che ne derivano. Fare un sonno tranquillo, infatti, permette di svegliarsi più riposati e di affrontare meglio la giornata.

Dove mettere la camera da letto

Se davvero si vuole riposare bene il posto migliore in cui posizionare la camera da letto è quello che si trova nella parte meno rumorosa della casa, dove è possibile riposare tranquillamente e senza essere disturbati. Sempre per questo motivo è consigliabile che in camera non ci siano tv, computer, telefoni e tutti quegli apparecchi elettronici che, con le loro onde elettromagnetiche, alterano il metabolismo e non agevolano il sonno.

Posizione del letto ed arredamento

L’arredamento della camera deve sfruttare ogni spazio dell’ambiente, quindi è preferibile la cabina armadio all’armadio tradizionale, così come posizionare i mobili in maniera simmetrica ed il letto davanti ad una parete cieca. Per quanto riguarda poi il colore delle pareti, sono da preferire il blu, l’azzurro e i colori pastello sfumati, che conciliano il sonno. E’ sconsigliato invece utilizzare il bianco, perché troppo luminoso per una stanza in cui si deve dormire; mentre per avere un ricambio d’aria ottimale si devono aprire le finestre cinque minuti ogni ora.

Che cuscino scegliere

Per quanto riguarda il cuscino, ci sono quello “a saponetta”, cioè il cuscino piatto, ideale per chi dorme sul fianco o quello ad onda, che si adatta meglio alla testa, per chi soffre di dolori cervicali. Per la scelta dell’altezza basta regolarsi con la larghezza delle spalle: più larghe sono più alto deve essere il cuscino. Le ultime tendenze per ciò che concerne la composizione interna del cuscino, poi, consigliano cuscini a base di schiuma, mousse e olio di girasole.

Il materasso migliore

Quello migliore è senza dubbio il materasso ergonomico, che si adatta perfettamente alla colonna vertebrale. I materiali preferiti sono quelli naturali, come il cachemire ed il cotone; mentre per favorire una migliore traspirazione all’interno dei materassi più moderni si può trovare il disco gel, una specie di cuscino elastico, o l’olio di girasole. I più giovani, poi, prediligono i materassi in schiuma polimerica a base d’acqua, vanno a ruba anche quelli a molle indipendenti, composti da 400 a 1.600 molle racchiuse ciascuna in un sacchetto. Le reti più vendute, infine, sono quelle a doghe strette.