YourMag » Casa » Una camera da letto a prova di… Morfeo!
Ragazza che dorme in camera da letto.

Una camera da letto a prova di… Morfeo!

Il riposo, si sa, è alla base di una buona salute psicofisica, ma non sempre è possibile dedicargli al meglio tutte le ore necessarie. Inoltre, l’ubicazione e l’organizzazione della camera da letto sono fondamentali!

E se vi dicessimo che posizionesistemazione della vostra zona notte rappresentano le cause della vostra insonnia?

Sicuramente ci sono tanti fattori, fisici e psicologici,  che condizionano le nostre dormite, ma anche quelli ambientali non vanno esclusi a priori: è stato infatti dimostrato che progettare in un certo modo le camere destinate al riposo può influire, positivamente o negativamente, sulla vita futura.

Una stanza diversa dalle altre

Bisogna tener presente che la camera da letto non è un luogo della casa dove accogliere gli ospiti: può, quindi, essere arredata nella maniera più funzionale, seguendo il proprio gusto, ed ubicata in disparte rispetto a tutto il resto degli ambienti; anzi, una stanza lontana dai rumori provenienti dal resto dell’abitazione e dall’esterno sarà un nido perfetto per trascorrere in serenità le ore dedicate al sonno o anche solo ad un pisolino.

Ovviamente, non tutti hanno metrature sufficientemente grandi per accogliere più camere: in quel caso, si trattasse anche di un monolocale, si può ovviare con un letto a baldacchino, un separé, qualche parete mobile, insomma, qualunque rimedio che consenta di dividere, anche solo “a vista”, la zona notte da quella giorno. Questo aiuterà a trovare la tranquillità necessaria per abbandonarsi tra le braccia di Morfeo, senza correre il rischio di svegliarsi continuamente a causa di rumori, inquietudine, senso di disordine. Un ambiente ordinato e ben progettato è il primo, ottimo stimolo per dormite rilassate e davvero riposanti!

Organizzazione

Appurato che bisogna scegliere una zona della casa un po’ distante, o perlomeno distaccata, dalle altre, si può passare a valutare l’arredamento e gli oggetti da acquistare.

Il letto è meglio sia appoggiato ad una parete “silenziosa”, che non offra possibili rumori dall’interno della casa o dall’esterno; inoltre, la scelta del materasso deve essere fatta con calma e vagliando tutte le possibilità, perché si tratta di un acquisto quasi eterno, di cui non ci si deve assolutamente trovare pentiti! In ogni caso, un consiglio universale può essere quello di evitarne di troppo morbidi o, al contrario, troppo duri, orientandosi su una variante in lattice che sia capace di accompagnare i movimenti e le posizioni delle ossa e di tutto il corpo, non nuocendo alla spina dorsale: alzarsi dal letto con il mal di schiena è tutt’altro che un buon inizio di giornata!

C’è, poi, la questione cuscini: più o meno si può seguire lo stesso iter, tenendo anche presente che i dolori alla cervicale sono, spesso, conseguenza proprio di una scelta sbagliata.

Infine, vale la pena ricordare che è sempre bene tenere lontani gli apparecchi elettronici (una stanza libera da tv, smartphone e pc sarebbe l’ideale), che è buona abitudine areare a lungo il locale durante la giornata, e che tenere tutto in ordine e pulito è più facile optando per un arredamento minimal, dove ogni oggetto, dai vestiti ai bijoux, trovi una sua collocazione ideale per non creare disordine, senza esagerare con suppellettili e mobilio: in questo modo si eviteranno antipatici ristagni di polvere e sporco!