YourMag » Psiche » Astenia: quando la mancanza di energie prende il sopravvento
Astenia: quando la mancanza di energie prende il sopravvento

Astenia: quando la mancanza di energie prende il sopravvento

Vi è mai capitato di sentirvi spossati, stanchi, sonnolenti, senza energie e senza voglia di intraprendere alcunché, né doveri né piaceri, per tutto il giorno? Si tratta dei sintomi dell’astenia, che coinvolge sia a livello fisico che mentale.

Sperimentare l’astenia è praticamente una normalità, per gli esseri umani.

Può capitare dopo lunghe e faticose convalescenze, dopo una vacanza, a ridosso di esami o di un periodo scolastico fitto di interrogazioni e compiti in classe, all’arrivo della stagione più calda, insomma in tutte quelle situazioni in cui la mente e il corpo vengono messi a dura prova.

Con i ritmi serrati e spesso frenetici delle nostre vite moderne, poi, il tutto si fa ancora più probabile ed anche in archi di tempo brevi e ravvicinati, coinvolgendo entrambi i sessi e tutte le fasce d’età.

I sintomi

È piuttosto semplice riconoscere i sintomi dell’astenia perché coinvolgono tutte quelle sensazioni che proviamo in periodi in cui ci sentiamo particolarmente affaticati e con poca voglia di intraprendere qualsivoglia attività.

Non va però confusa con una normale situazione di stanchezza, dovuta magari ad un lavoro molto impegnativo o ad una ragione quantomeno concreta: l’astenia, infatti, può essere aggravata dallo sforzo, ma essere presente anche in situazioni di riposo, poiché il suo raggio d’azione parte proprio dalla psiche.

Chi sta sperimentando l’astenia si sentirà privo di forze, percepirà i suoi movimenti come rallentati, si sentirà apatico, persino confuso e potrebbe arrivare a soffrire di un’alterazione della memoria a breve termine.

L’astenia, infatti, si collega a doppio filo anche con il disturbo bipolare o con la depressione e, in generale, con parecchi disturbi dell’umore. In questo caso si parla di astenia nervosa.

Esiste però anche un’altra faccia della medaglia, cioè l’astenia muscolare o miastenia, una malattia neuromuscolare collegata all’affaticamento.

In questo caso le cause sono da ritrovarsi in patologie fisiche, come  diabete mellito, anemia grave, ipo/ipertiroidismo, mancanza di vitamine, malnutrizione, sindromi da malassorbimento, ipotensione arteriosa o malattie del sistema nervoso centrale.

I rimedi

Com’è facile intuire, quando si tratta di una conseguenza di patologie fisiche, poco si può intervenire in quanto a rimedi ma, di certo, si può provare a tener su l’organismo attraverso opportuni integratori. Questi rimedi naturali risultano di gran lunga molto efficaci in casi in cui l’astenia sia dovuta a una sola sensazione psicologica o a periodi stressanti passeggeri (insieme all’intramontabile cura fornita da un lungo sonno di riposo).

Niente farmaci, quindi, ma solo dei coadiuvanti che aiutano ad integrare quanto necessario all’organismo per ritrovare le energie di sempre.

Si può assumere pappa reale, ginseng e guaranà, tutte sostanze note per le loro proprietà stimolanti per il sistema nervoso centrale e rivitalizzanti per l’organismo, oltre a vitamine del gruppo B, che aiutano a combattere la spossatezza e a ritrovare il tono muscolare, finendo con sali minerali, potassio e magnesio, che hanno una grande azione energizzante.