YourMag » Benessere » Artrite e artrosi quali sono le differenze?
artrite artrosi

Artrite e artrosi quali sono le differenze?

L’artrite e l’artrosi vengono spesso identificate l’una con l’altra: si tratta in realtà di patologie ben distinte che differiscono fra loro per alcuni aspetti fondamentali.

Accomunate da alcune manifestazioni sostanzialmente identiche (dolore e rigidità all’arto colpito, limitazione della capacità motoria), queste affezioni insorgono per cause completamente differenti: mentre l’artrite è una malattia infiammatoria che può colpire soggetti di qualsiasi età, l’artrosi scaturisce da un processo degenerativo legato all’usura delle articolazioni e può verificarsi quindi più frequentemente nelle persone che hanno superato i 50 anni o nei soggetti che svolgono un’attività fisica particolarmente intensa.

Artrite: cause, sintomi e cura

L’artrite è una patologia infiammatoria autoimmune che colpisce prevalentemente le articolazioni sinoviali: a differenza dell’artrosi, che interessa la cartilagine, questa infiammazione è generalmente circoscritta alla membrana sinoviale. Esistono diverse forme artritiche: le più comuni sono l’artrite reumatoide e la gotta. Non si conoscono ancora con certezza le cause scatenanti: è possibile che esista una predisposizione genetica sulla quale possono agire fattori di varia natura, come un abbassamento delle difese immunitarie, un forte stress o una condizione ambientale avversa. Parte della sintomatologia presenta manifestazioni simili a quelle dell’artrosi: l’articolazione colpita, infatti, risulta rigida, dolorante e con una ridotta capacità di movimento. A questi sintomi si aggiungono spesso il gonfiore, il rossore e, negli stadi più avanzati, la deformazione dell’arto. Il trattamento farmacologico prevede la somministrazione di antireumatici, di analgesici e di corticosteroidi. Nei casi più gravi può rivelarsi utile il ricorso alla chirurgia.

Artrosi: cause, sintomi e cura

L’artrosi è un processo degenerativo a carico delle articolazioni e, in particolare, del tessuto cartilagineo. In presenza di artrosi, infatti, la cartilagine presenta assottigliamenti e fissurazioni; l’arto colpito manifesta stati dolorosi, rigidità e limitata capacità motoria, sintomi che possono acutizzarsi in caso di sbalzi termici, umidità o sforzo fisico. I fattori che favoriscono l’artrosi possono essere molteplici: la predisposizione genetica, un trauma, un intervento chirurgico, un’attività fisica intensa e prolungata o particolari condizioni ambientali (come un clima molto umido) sono le cause più frequenti. Anche l’obesità può rappresentare un fattore predisponente: un peso eccessivo, infatti, può sovraccaricare le articolazioni e aggravare l’usura del tessuto cartilagineo. La cura dell’artrosi consiste prevalentemente nel trattamento sintomatico attraverso la somministrazione di analgesici (come il paracetamolo); per ridurre dolore e rigidità articolare vengono prescritte anche le infiltrazioni di farmaci idrocortisonici, i cui effetti sono però di breve durata. La fisioterapia, in questi casi, può aiutare a recuperare parte della funzionalità motoria.

 
In breve:
L’artrite è un’infiammazione che aggredisce i tessuti articolari e le ossa, provocandone il progressivo danneggiamento.
L’artrosi è una malattia degenerativa della cartilagine articolare che porta, col tempo, a una sofferenza dell’osso.