Arredo da balcone: cosa evitare?
YourMag » Casa » Arredo da balcone: cosa evitare?
Arredo da balcone: cosa evitare?

Arredo da balcone: cosa evitare?

Dopo temporali, nevicate inaspettate e freddi glaciali, finalmente l’estate sta arrivando e lo sentiamo dai primi forti tepori che ci sta concedendo questa strana primavera. Bisogna correre ad arredare i nostri spazi outdoor!

Non c’è dubbio: possedere uno spazio che consenta di passare qualche ora all’aria aperta, soprattutto nelle stagioni più calde, è importantissimo per ogni essere umano.

Chi, però, non ha la fortuna di poter godere del sole e del tepore estivo attraverso un terrazzo o un giardino, può sempre imparare a decorare ed allestire al meglio il proprio balcone: potrebbe ritrovarsi in un piccolo angolo di paradiso senza nemmeno rendersene conto!

Come organizzare gli spazi di un balcone

Di solito, le persone che possiedono uno o più balconi in casa si dividono in due categorie: coloro che li “farciscono” di oggetti, piante e decori e coloro che, invece, preferiscono lasciare un assetto minimal ai limiti dell’oblio, impigriti e a corto di idee su come muoversi.

Va tenuto presente, però, che un balcone è uno spazio della propria dimora a tutti gli effetti e che quindi, in quanto tale, va arredato seguendo lo stile del resto della casa e la propria personalità.

Sì, quindi, a piante, ornamenti, tendoni o ombrelloni, tavolini e sedie che aiutino a rilassarsi e a passare qualche ora spensierata fuori dalle calde mura casalinghe.

Ma quali sono gli errori da evitare?

I “must” dell’arredo outdoor

Innanzitutto, un balcone rappresenta uno spazio privato, certo, ma esposto all’aria aperta ed agli agenti atmosferici: arredarlo, quindi, con mobili pensati per essere utilizzati indoor sarebbe una mossa poco furba; si finirebbe per avere legni ingrossati dalla pioggia e dall’umidità, tessuti definitivamente rovinati, metalli arrugginiti. Occhio, quindi, a scegliere opportunamente i pezzi da installare.

Inoltre, evitare un’aria troppo “spoglia” ma anche esageratamente accatastata: pochi elementi essenziali, messi in risalto da decori e luci, rappresentano l’arredamento ideale, soprattutto per piccoli spazi.

Un’attenzione particolare va riposta anche nella scelta delle piante (che no, non possono proprio mancare, nemmeno per coloro che non posseggono  un briciolo di pollice verde!): sì a varianti grasse che, magari, non richiedono troppe attenzioni, se non avete tanto tempo a disposizione da dedicare, no a tipologie dalla veloce e folta crescita; finireste per ritrovarvi in una vera e propria foresta in breve tempo!

Infine, curare la privacy, certo, ma con scrupolosità. A volte, per cercare di chiudere la vista dall’esterno, si finisce per nascondersi, trincerandosi dietro tendoni giganteschi o scuri che, di certo, non favoriscono la luminosità e tutte le proprietà che dovrebbero avere gli spazi aperti. Meglio optare, quindi, per strutture regolabili che possano essere posizionate nella maniera più adatta, di volta in volta, garantendo, comunque, un assetto ideale e rilassante.

In questo modo, prendere un po’ di sole su una sdraio non risulterà più così difficile!