YourMag » Moda » Anni Ottanta: piacciono sempre
Cosmetici anni Ottanta, il rossetto fucsia di Madonna

Anni Ottanta: piacciono sempre

Gli anni Ottanta sono rimasti nel cuore di tutti, c’è poco da fare. Lo vediamo in TV con le serie di quegli anni che tornano prepotentemente, ma anche sulle passerelle di moda.

Lo stile di quegli anni è eccessivo e strabordante. Uno stile eccentrico, caratterizzato da colori forti sia nell’abbigliamento che nel trucco.

Tutto questo sembra che stia tornando e che piaccia molto. Chi dimentica i look mozzafiato di Madonna, che ha influenzato milioni di ragazze in tutto il mondo? Nessuno. Infatti, tutto questo affascina ancora tanto.

Anni Ottanta: i cosmetici di quegli anni che usiamo ancora

Visto che quel periodo ancora ci conquista, il “T Magazine”, il mensile di moda, arte, viaggi e design del “New York Times“, in un articolo racconta quell’epoca. Karl Molvar ha descritto cinque prodotti e tendenze del mondo della cosmetica degli anni Ottanta, che si usano anche oggi. Ecco quali sono.

I profumi con la fragranza dei fiori

A metà degli anni Ottanta, per l’esattezza nel 1984, nasce un profumo che, come ricorda il profumiere Yann Vasnier, in quegli anni “le donne te lo lasciavano sempre sulle guance dopo averti dato un bacio per salutarti”.

Si tratta di Coco, un profumo dall’aroma speziato che è stato considerato da molti “la versione più giovane di Chanel No. 5, per la sua boccetta che ricorda proprio questo famoso eau de parfum”. “Coco fa pensare ad un’epoca caratterizzata dalla creatività e dalla stravaganza, tipiche degli anni Ottanta”, come spiega Inès de la Fressange, la modella francese che ha posato per la campagna pubblicitaria.

Bellezza e scienza, un connubio sempre più solido

In questi anni nascono le prime creme create in laboratorio, perché “bellezza e salute diventarono sempre più legate”, racconta Linda Wells, direttrice creativa di Revlon e fondatrice della rivista “Allure”.

Così le aziende iniziano ad investire nella ricerca scientifica ed in commercio entrano i primi sieri anti-età, primo tra tutti il famoso Advanced Night Repair di Estée Lauder, uno tra i più venduti ancora oggi. A questo seguirono man mano simili prodotti di altre case cosmetiche, come Sisley-Paris, che creò un’emulsione nata da un mix di piante con un forte potere idratante e protettivo da macchie e inquinamento.

Fondotinta, rossetti e smalti

Nel 1981, poi, arriva da Lancôme il Dual Finish Foundation, una forma innovativa di fondotinta compatto, che si può applicare utilizzando la spugnetta bagnata, per ottenere un effetto più coprente, o asciutto, magari utilizzando anche un pennello da cipria, per un effetto più naturale.

E che cosa dire del bubblegum lipstick? Un rossetto rosa acceso che ha spopolato negli anni Ottanta insieme a quello rosso acceso, il Rouge Pur Couture Lipstick No. 19 creato nel 1979 da Yves Saint Laurent.

Sempre attuale anche la french manicure, con le unghie leggermente squadrate e lo smalto bianco applicato solo sul bordo superiore dell’unghia. Per effetti meno tradizionali spesso il bianco viene sostituito da altri colori o da decorazioni di vario tipo con brillantini e disegni.