YourMag » Moda » Anna Wintour: rivoluzione a Vogue America?
Anna Wintour: rivoluzione a Vogue America?

Anna Wintour: rivoluzione a Vogue America?

Il mondo della moda trema. A farlo tremare è stato un gossip, che è uscito qualche giorno fa sul “New York Post”, e la cui fonte sembra attendibile.

La sorgente sarebbe un funzionario della casa editrice Condè Nast. In forma anonima, avrebbe rivelato che lo storico direttore di “Vogue America”, Anna Wintour, lascerà a breve la sua poltrona.

A smentire l’indiscrezione è stato un comunicato lapidario della stessa Condè Nast, che smentisce categoricamente ogni tipo di rumors. Ma quale sarà la verità?

Anna Wintour: la regina della moda lascerà Vogue America?

Il pettegolezzo, di cui parla tutta New York e non solo, però non è affatto generico, ma riporta anche una data. Secondo il funzionario della casa editrice di “Vogue America”, infatti, la Wintour dovrebbe lasciare il magazine dopo il matrimonio della figlia Bee Shaffer, che a luglio sposerà Francesco Carrozzini, figlio di Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia, venuta a mancare nel dicembre 2016.

Naturalmente il gossip si infiamma e, così, c’è anche il nome di chi dovrebbe prendere il suo posto. Si tratterebbe dell’attuale direttore di “Vogue Uk”, Edward Enninful, che già da ottobre 2018 potrebbe sostituire la signora Wintour, che ha ispirato la terribile protagonista de “Il diavolo veste Prada”, interpretata da una magistrale Meryl Streep.

Chi è Anna Wintour?

Senza dubbio, perdere un personaggio come la Wintour, per il mondo della moda, rappresenterebbe davvero un terremoto. La giornalista londinese, quest’anno, festeggerà i suoi trent’anni alla guida di “Vogue America”. Dal 1988 ad oggi, lei e il suo magazine sono diventati molto influenti nel sistema della moda.

Anna Wintour, inoltre, non si occupa solo di iniziative editoriali, ma anche di tanto altro. Organizza, insieme al Metropolitan Museum, tutti gli anni, una mostra e in contemporanea un ballo a cui partecipano star e stilisti. Come è stato definito da molti, una specie di serata degli Oscar della moda e che dà grande lustro e notorietà mediatica a chi vi prende parte.

Non solo Anna Wintour

Secondo la fonte del “New York Post”, inoltre, i motivi di questa decisione sarebbero principalmente economici. I conti non andrebbero affatto bene, e non solo per “Vogue America”, ma anche per altre riviste della Condè Nast, che hanno avuto come direttore editoriale Anna Wintour. Il “Post” ha parlato di perdite annuali che, addirittura, sarebbero pari a 100 milioni di dollari, tanto che in questi ultimi anni sono state chiuse testate come “Teen Vogue”, “Self e Details” e il sito internet “Style.com”.

La direttrice di “Vogue America”, comunque, non è l’unica ad essere in procinto di lasciare, almeno secondo i rumors. Già altri direttori storici di importanti magazine della Condè Nast hanno lasciato il loro posto, come Graydon Carter, direttore di “Vanity Fair”, che è stato sostituito da Radica Jones, dopo 25 anni, e Cindy Leive, che lascia “Glamour” a Samantha Barry, dopo 16 anni.