YourMag » Viaggi » Alla scoperta dei villaggi più belli della Provenza
villaggi più belli della provenza

Alla scoperta dei villaggi più belli della Provenza

Queste terre del sud della Francia ricoperti di lavanda e con deliziosi villaggi di pietra nascosti sono stati la casa di molti impressionisti, attratti dalla più pura luce mediterranea.

Nei dipinti di Cézanne e Van Gogh sono intrappolati colori di questa regione francese la cui tarda primavera tinge di campi color malva. Ecco alcuni dei villaggi più belli che meritano di essere visti:

Aix-en-Provence

E’ la capitale della Provenza e città natale di Cézanne, dove i palazzi in pietra sono del colore del miele e dove lo splendore del barocco si esprime in una strada ricca Cours Mirabeau. Un villaggio tranquillo ed elegante, pieno di viali alberati, piazze pittoresche e fontane monumentali, consigliamo di dedicare un paio d’ore al Granet Museum: un interessante viaggio attraverso i secoli attraverso la storia dell’arte. Da non perdere il percorso dedicato al suo figlio prediletto, il padre della pittura moderna, nel quartiere in cui ha vissuto.

Arlés

Là più Ispanica delle città francesi (corrida, flamenco …) è stata fondata da Giulio Cesare nel 46 C ed ha l’onore di essere la città con il maggior numero di monumenti romani dopo Roma: terme, criptoportici, un teatro e perfino un anfiteatro per 20.000 spettatori. Inoltre, non solo tutto questo è patrimonio dell’umanità, ma detiene anche il record per i monumenti classificati come tali. Per tutti questi motivi brillano le opere di Van Gogh il cui periodo ad Arlés è considerato il più fecondo: 300 immagini in 15 mesi, la Terrasse du Café Le Soir, ispirata ad una caffetteria che è rimasta intatta nella Piazza della Repubblica.

Les Baux-de-Provence

Situato su un promontorio a 245 metri, da dove domina due valli misteriose, questo piccolo villaggio immacolato (forse troppo turistico) ha raggiunto il suo picco lo scorso Medioevo, quando l’arte del Rinascimento rivestì la sua architettura urbana. Oggi è possibile visitare il castello o ammirare i numerosi palazzi che ospitano fantastici musei o semplicemente passeggiare per le tipiche vie piene di negozi che vendono lavanda. Inelle vicinanze consigliamo di vistare anche Canteras de Luces, dove si svolge uno spettacolo multimediale che si rinnova ad ogni stagione: proiezioni su schermi appariscenti su pareti di roccia naturale di circa 5.000 m

Aviñón

Questa città famosa per il suo ponte sul fiume Rodano è stata fonte inesauribile di ispirazione per Pablo Picasso, che ha dipinto qui grandi opere, alcune delle quali si trovano nel Museo Angladon nella collezione di Jean Doucet. E ‘stato questo mecenate che ha acquistato Les Demoiselles d’Avignon che, nonostante il nome, non ha nulla a che fare con La Provence. Avignone è considerato il villaggio più gotico di tutta Europa, che ha la sua massima espressione nel Palazzo dei Papi. Meno solenne è la Place de l’Horloge, il centro sociale della città, sempre vivace con i caffè e le terrazze dove è obbligatorio fare uno spuntino.

Gordes

Circondato da vasti campi di lavanda e papaveri, questo villaggio di case in pietra con i tetti in cotto svetta sulla cima di una collina, che fornisce una sublime vista del paesaggio. L’imponente castello che può essere visitato, conferma il valore strategico di quello che una volta era un borgo fortificato durante il Medioevo e il Rinascimento. Per poter apprezzare al meglio questo gioiello provenzale bisogna avventurarsi nelle stradine di pietra per trovare la migliore piazza ombreggiata.

L’Isle sur la Sorgue

Attraversata dal fiume Sorgue l’attività turistica più richiesta è fare un giro in barca lungo il suo corso. E gustare la deliziosa cucina della regione in uno dei tanti ristoranti che si trovano su entrambe le sponde. Inoltre, se vi capita di passare in questo villaggio di Domenica, potrete girovagare nei mercatini di antiquariato alla ricerca di oggetti introvabili.

Cassis

Anche se in estate può essere sconcertante dato l’enorme afflusso di persone, non si può negare il fascino di questa piccola città che dà il nome a un dolce Pacharán liquoroso. Un porticciolo di pescatori da cui le case sorgono su un massiccio calcareo, come se fosse un anfiteatro di gradinate. Tutto qui è magico, l’atmosfera è serena, rilassante, immersa nella luce unica della Provenza. Il più visitato di tutti i villaggi della Provenza.