YourMag » Famiglia » Alcol e giovanissimi: consigli per i genitori
ragazzi a una festa con alcool

Alcol e giovanissimi: consigli per i genitori

Il problema della dipendenza dall’alcool è sempre più diffuso, soprattutto tra i ragazzi molto giovani, sempre più giovani, come confermano i dati di diversi sondaggi.

Il consumo di bevande alcoliche è sempre più diffuso tra i giovanissimi ed è cresciuto anche tra le ragazzine, che bevono molto più di prima.

In Italia la soglia di età in cui si beve il primo bicchiere di alcol si è abbassata e, attualmente, è arrivata a 12 anni, ancora prima di quanto avvenga negli altri Paesi europei.

Alcool e giovanissimi: come comportarsi?

Cominciare a bere a questa età è molto dannoso per la salute. L’apparato dirigente di un adolescente, infatti, non è sviluppato come quello di un adulto; e i danni provocati dall’alcool possono essere molto più gravi.

Ecco, allora, qualche suggerimento per i genitori per proteggere i figli adolescenti dal pericolo di un uso precoce dell’alcool. Senza dubbio, ci sono due consigli più utili e importanti degli altri:

  1. Dare un buon esempio: questo significa che in casa è bene bere con moderazione;
  2. Vigilare sui ragazzi: cercare quindi di captare ogni minimo cambiamento che possono dimostrare nella vita di tutti i giorni.

L’informazione è fondamentale

Fin da quando sono bambini è bene informare i propri figli dei danni che può provocare l’eccessivo uso dell’alcool. Oltre a possibili problemi agli organi interessati all’assimilazione e all’eliminazione dell’alcool, non si può sottovalutare un problema decisamente complesso: la dipendenza, da cui è sempre difficile uscire. Cominciare a parlare di questo pericolo quando sono adolescenti è quasi inutile, perché i ragazzi in quel periodo sono ribelli e insofferenti ai consigli dei genitori per “contratto”. È molto importante quindi mettere i propri figli a conoscenza di questo rischio fin da quando sono piccoli.

Quando sono un po’ più grandi è utile che sappiano leggere le etichette degli alcolici per rendersi conto di che cosa sia la gradazione alcolica. In questo modo possono comprendere quanto forti sono le bevande che stanno per ingerire ed evitare, se possibile, di eccedere e/o di cadere nell’abuso di alcool. È fondamentale conoscere la differenza tra l’uso e l’abuso e quali rischi effettivamente si corrono.

Dare spiegazioni e offrire altre possibilità

È bene che i ragazzi capiscano perché non devono bere

Perché non assumere alcool? Perché l’alcool è molto più dannoso per l’organismo di un adolescente che per quello di un adulto. Perché lo è ancora di più per le femmine, che fisicamente possono smaltire la metà degli alcolici ingeriti dai maschi. Perché, quando si beve, i freni inibitori si abbassano drasticamente e, se inizialmente la sensazione è di rilassamento, è facile perdere il controllo e compiere azioni sconsiderate, di cui il giorno dopo ci si pente.

Bere è pericoloso anche e soprattutto se si guida, perché si mette a repentaglio se stessi e gli altri.

Per tutti questi motivi, i genitori devono far capire ai loro ragazzi che certi comportamenti, considerati alla moda, non vanno seguiti; piuttosto devono dare loro altre possibilità per trascorrere serate e nottate fuori casa. Il divertimento non coincide con l’alcool e lo sballo.