YourMag » Famiglia » Alcolici e concepimento: che rischi si corrono?
Alcolici e concepimento: che rischi si corrono?

Alcolici e concepimento: che rischi si corrono?

È risaputo che bere alcolici durante la gravidanza non faccia bene al bambino, ma da oggi questo allarme si estende anche a prima e dopo il concepimento.

Uno studio australiano ha stabilito che bere l’equivalente di quattro bicchieri di vino pochi giorni prima e dopo la fecondazione può creare problemi di obesità se si partorisce un figlio maschio.

Secondo la ricerca condotta dall’Università del Queensland, infatti, i figli maschi di donne che hanno consumato dell’alcool nei giorni vicini al concepimento sono più predisposti all’obesità, perché avranno una forte preferenza per i cibi grassi. Questo problema, invece, non è stato riscontrato nelle figlie femmine.

Bere alcolici nel periodo del concepimento: i rischi

Questo studio vuole essere un monito per tutte le donne, poiché bere è un’abitudine molto comune, e si tende a consumare alcolici anche quando si tenta di restare incinte. Nella nostra società, infatti, si beve tranquillamente, senza sapere che si possono esporre i propri figli a dei pericoli anche in questa fase, che precede il periodo della gravidanza.

Lo studio australiano

La ricerca è stata condotta sui ratti da Emily Dorey della Scuola di Scienze Biomediche dell’ateneo, che però ha ammesso che sarà difficile portare avanti lo stesso studio sulle donne, perché “vi sono troppe influenze esterne durante la crescita”, che potrebbero influenzare le scelte alimentari dei figli, come ha spiegato la ricercatrice. Ai topi di laboratorio, quattro giorni prima e quattro dopo l’accoppiamento, è stato dato, ogni giorno, l’equivalente di quattro bicchieri di vino consumati da un essere umano. Così è stato rilevato che il consumo di alcool, durante il concepimento, influisce in modo negativo sulla placenta e provoca scelte diverse nella dieta dei figli. I maschi sono più propensi delle femmine a scegliere cibi grassi, rischiando così di diventare obesi. Sia i maschi che le femmine, invece, sono più soggetti alla degenerazione grassa del fegato.

L’alcool deve essere bandito prima e durante la gravidanza

I risultati della ricerca svolta all’Università di Queensland sono stati pubblicati sull’“American Journal of Physiology” e hanno confermato come il consumo di alcool non sia opportuno durante i nove mesi della gravidanza ed hanno aggiunto, in modo inaspettato, che non lo è neanche nel periodo poco precedente e poco successivo alla fecondazione.

Questo studio cambierà le abitudini delle donne che vogliono avere un figlio? Forse sì, ma come ha spiegato Emily Dorey, il vero problema si presenta quando le gravidanze non sono programmate. La ricercatrice australiana, infatti, ha spiegato che quello che si vuole trasmettere alle donne è un messaggio di avvertimento molto importante, perché, parlando per esempio del suo Paese, ha detto che c’è “una proporzione molto alta di gravidanze esposte all’alcool in questo particolare periodo”, considerando il moderno stile di vita.