YourMag » Famiglia » Adolescenti: l’app che obbliga a rispondere agli sms
Adolescenti: l'app che obbliga a rispondere agli sms

Adolescenti: l’app che obbliga a rispondere agli sms

Quante volte si inviano messaggi e non si ottengono risposte? Sicuramente tante, e accade più spesso che ad ignorare i messaggi inviati siano i figli, magari adolescenti.

Da oggi, però, qualcosa potrebbe cambiare grazie a ReplyASAP, un’applicazione per cellulare che obbliga a non ignorare i messaggi, perchè non permette di utilizzare il dispositivo finchè non si risponde.

Il colpo di genio è venuto ad un quarantacinquenne nato nel West Wickham, a sud-est di Londra, Nick Herbert. L’uomo, padre di un adolescente, esasperato da un’abitudine ormai sempre più frequente tra i ragazzi -quella di non rispondere ai messaggi appunto- ha commissionato lo sviluppo di questa app, che potrebbe risolvere il problema.

Adolescenti: come funziona l’app che li costringe a rispondere ai messaggi

ReplyASAP, quindi, impedisce di utilizzare lo smartphone bloccandone il funzionamento finché non si dà una risposta al messaggio ricevuto. Al momento l’applicazione funziona solo sul sistema Android, si scarica da Play store esclusivamente nel Regno Unito ed ha un costo di abbonamento annuale, che cambia in base a quanti sono gli utenti collegati. Il prezzo varia da un poco più di 1 euro per un solo cliente a circa 15 euro per due clienti. Adesso Nick Herbert sta pensando anche alla realizzazione di una versione di ReplyASAP per iOS, anche perché suo figlio ha proprio un iPhone.

Come funziona ReplyASAP

L’uso dell’app, creata in poco più di otto mesi, è molto semplice. Quando si riceve un messaggio e non ci si accorge del suo arrivo, perché magari il telefono è in modalità silenziosa, o lo si ignora di proposito, si apre una finestra che non può essere chiusa se non rispondendo. Inoltre si attiva una notifica sonora, anche se le impostazioni audio del telefono sono al minimo, che si interrompe solo quando si invia una risposta al messaggio ricevuto. Insomma, grazie o a causa (a seconda dei punti di vista) di ReplyASAP, non si possono più ignorare gli sms, a meno che non si voglia rinunciare ad utilizzare lo smartphone.

ReplyASAP non è utile solo per mamma e papà

L’applicazione ideata dal papà di Londra, però, non è utile soltanto ai genitori che vogliono avere la certezza che i loro figli rispondano ai messaggi. ReplyASAP, infatti, può avere un uso anche più “maturo”, destinandola a quelli che tengono quasi sempre il cellulare spento o ne disattivano la suoneria. In questo modo, chi invia messaggi di una certa importanza o urgenza a coloro i quali fanno un uso meno frequente dello smartphone rispetto agli adolescenti, non rischia di non avere una risposta. In questo modo l’app, che, come ammette anche lo stesso Nick Herbert, ad alcune persone potrebbe apparire troppo invadente, mostra dei vantaggi non indifferenti se è necessario ricevere delle risposte urgenti ed in tempi brevi.